ARCHIVIO

Ecstasy, morte e sballo del fine settimana. Meloni: tentato omicidio a tutti gli spacciatori

GENOVA. 29 LUG. "Una sedicenne è morta a Genova a causa di una pasticca di ecstasy che le è stata data durante una festa a casa di amici. Un pensiero a lei e alla sua famiglia. Lo ribadisco ancora una volta: chi spaccia droga, soprattutto se a dei minorenni, dovrebbe essere perseguito per il reato di tentato omicidio".

Oggi il pusher 17enne di Busalla è stato denunciato in stato di libertà. I due amici della ragazzina, un 19enne e un 20enne, sono stati arrestati.

Secondo le indagini della polizia, i tre non avevano precedenti per droga.

La 16enne chiavarese si era incontrata in casa degli amici ieri sera in via Corridoni a San Martino. Prima aveva ingurgitato l'Ecstasy e poi, insieme a loro, era uscita per andare a divertirsi nei locali della movida genovese in centro città.

I giovani arrestati hanno riferito alla polizia che non era la prima volta che assumevano la Mdma, potente metanfetamina: "Era lo sballo del fine settimana, nessuno di noi era mai stato male".