ARCHIVIO

Dice al pm che si cura con 70 grammi di hashish ed evita l'arresto

[caption id="attachment_164279" align="alignleft" width="400"] Un sequestro di marijuana da parte della polizia: ora si può evitare l'arresto anche dicendo che ci si cura con l'hashish[/caption]

GENOVA. 28 MAG.  Un sessantenne sorpreso dalla polizia accasciato su una panchina del Porto Antico con 70 grammi di hashish in tasca, suddiviso in pezzi da dieci grammi l'uno, è stato indagato per spaccio di sostanze stupefacenti, ma è riuscito ad evitare l'arresto cautelare in carcere perché ha detto al magistrato che la droga gli serviva per curarsi.

In sostanza, il 60enne è riuscito a far credere che  l'hashish gli serviva come terapia per alleviare i dolori provocati da una patologia di cui è affetto da anni.

L'indagato, che risulta con pregiudizi di polizia, è stato fermato ieri pomeriggio dagli agenti del commissariato di piazza Matteotti e del reparto Prevenzione Crimine.

Nella successiva perquisizione della sua abitazione genovese, sono poi stati trovati altri 20 grammi della stessa sostanza stupefacente.