ARCHIVIO

Diana Vishneva stasera danza Béjart al Carlo Felice

[caption id="attachment_178770" align="alignleft" width="278"] Diana Vishneva della Béjart questa sera al teatro Carlo Felice[/caption]

GENOVA. 14 NOV. Un appuntamento imperdibile con la danza al Teatro Carlo Felice questa sera alle 20,30: il Béjart Ballet Lausanne   eseguirà due brani storici del grande coreografo francese, Il Mandarino meraviglioso e il famoso Bolero che in questa serata del 14 novembre  sarà interpretato da Diana Vishneva.

La Vishneva è nata a San Pietroburgo ed ha studiato presso l’Accademia Vaganova, si è poi unita alla Compagnia di Balletto Mariinskij dove si è diplomata nel 1995. Ha ricevuto due premi all'inizio della sua carriera al Mariinsky-il Benois de la Danse e la Sofit d'Oro, riconoscimenti che l’hanno  aiutata moltonel suo percorso artistico. Ha fatto la sua prima apparizione con l'American Ballet Theatre durante la stagione primaverile del 2003 e attualmente è principal dancer della stessa compagnia americana.

Tornando al Béjart Ballet Lausanne ricordiamo che dopo la scomparsa di Bejart a dirigere la compagnia è Gil Roman che preserva l’eccellenza artistica dalla scomparsa del maestro avvenuta nel 2007. La compagnia presenta i suoi spettacoli in tutto il mondo, in Teatri di grande capienza come la NHK Hall di Tokyo all’intima Opéra Royal di Versailles. Con i suoi 41 danzatori originari di 22 diversi Paesi, Gil Roman riceve un’accoglienza trionfale a ciascuna delle sue ottanta rappresentazioni annuali.

L’opera di Maurice Béjart è al cuore del repertorio del Béjart Ballet Lausanne. Opere con un importante contenuto musicale come Le Sacre du printemps o Bolero affiancano creazioni più teatrali come Il Mandarino meraviglioso e Le Presbytère n’a rien perdu de son charme, ni le jardin de son éclat (Ballet for Life). Le sue coreografie, recenti o di repertorio, ottengono sempre un grandissimo successo.

Dal 2007, Gil Roman riprende numerosi balletti meno presentati come Piaf, Suite Barocco e i capolavori di Béjart come La IX Symphonie di Beethoven. Crea inoltre proprie coreografie come Aria, Syncope, Là où sont les oiseaux, Anima blues, 3 Danses pour Tony, Kyôdai e Tombées de la dernière pluie, debutto maggio 2015 all’Opera di Losanna. Su suo invito alcuni coreografi come Julio Arozarena, Sthan Kabar-Louët, Tony Fabre e Christophe Garcia hanno aggiunto al repertorio della compagnia loro creazioni.

Lo spettacolo di danza di stasera è il primo dell’abbonamento CARD a 4 balletti a prezzo speciale.

FRANCESCA CAMPONERO