ARCHIVIO

Costretti dai genitori a mendicare, in aumento i minori sfruttati a Genova

[caption id="attachment_191331" align="alignleft" width="677"] Sfrutamento dei minori: Il bimbo costretto da genitori e parenti nomadi a fare il lavavetri, anziché andare a scuola[/caption]

GENOVA. 29 APR. La sezione di polizia giudiziaria della Municipale, nelle scorse settimane, dopo la denuncia del vice presidente del consiglio comunale Stefano Balleari, ha effettuato il monitoraggio dei minori costretti a mendicare o a fare i lavavetri per le vie della città. Sarebbero alcune decine di bimbi e di ragazzini, maschi e femmine, che anziché essere portati a scuola, sono lasciati per le strade a mendicare.

I numeri del triste fenomeno sono in aumento. Il Comune è intervenuto con gli assessori Elena Fiorini e Emanuela Fracassi, ma a Tursi è scoppiata la polemica.

"L'assessore Fiorini - ha spiegato oggi Balleari - anche questa volta si e' dimenticata di dire che quest'indagine della polizia municipale e' stata da me voluta e segnalata. Si e' anche dimenticata di riferire che ho fornito io personalmente le foto agli investigatori. Si è ulteriormente dimenticata di avermi richiesto per iscritto a quali orari avrebbero potuto trovare il ragazzino in Carignano  (caro assessore va bene che per lui è come un lavoro, ma non timbra il cartellino !!!!).

Si è dimenticata di comunicare che il fermo del ragazzino e' stato effettuato da una mia telefonata alla Polizia Giudiziaria (caro assessore ho dovuto agire io perché i suoi metodi non portavano risultati, ho preferito i miei: una telefonata ed azione).

Tra le tante dimenticanze però si è ben ricordata di prendersi i meriti di questa operazione. Questa è la giunta Doria. Una giunta a memoria selettiva. I genovesi invece hanno buona memoria".