ARCHIVIO

Corteo 1° maggio: fumogeni e petardi di antagonisti e centri sociali

[caption id="attachment_173692" align="alignleft" width="711"] Fumogeni e petardi esplosi dagli antagonisti in via Venti Settembre, prima dei comizi in piazza De Ferrari dei sindacati Cgil, Cisl e Uil, per la Festa nazionale del lavoro[/caption]

GENOVA. 1 MAG. Se a Torino si sono registrati scontri con i lavoratori delle forze dell'ordine, a Genova la manifestazione del primo maggio è trascorsa con il raduno in piazza della Vittoria e i comizi in piazza De Ferrari. Alla fine del corteo in via Venti Settembre, però, alcuni antagonisti e giovani dei centri sociali hanno fatto esplodere dei petardi e creato una cortina di fumogeni in segno di protesta contro il governo Renzi.

Ci sono stati momenti di tensione e confusione, ma quelli di Lotta Comunista, partecipanti in circa duemila all'ultimo spezzone del corteo, non hanno apprezzato l'iniziativa degli antagonisti: alcuni di loro hanno protestato e fischiato.

La pioggia e la temperatura tutt'altro che mite, non hanno fermato migliaia di manifestanti. La Festa del lavoro che non c'è, a Genova si è conclusa senza incidenti, né altri momenti di tensione.