ARCHIVIO

Corridoi umanitari al via protocollo d’intesa tra ministero e San’Egidio

[caption id="attachment_202523" align="alignleft" width="728"] Basilica dell'Annunziata[/caption]

GENOVA. 19 MAG. La Comunità di Sant’Egidio insieme alla Federazione delle Chiese e alla Tavola Valdese ha dato vita, attraverso un Protocollo d’intesa con i Ministeri dell’Interno e degli Esteri, ad un progetto pilota di “corridoi umanitari” che ha l’obbiettivo di aprire vie di salvezza ai profughi al fine di evitare i viaggi della morte per consentire alle persone più vulnerabili, donne e bambini, anziani e malati, di raggiungere in sicurezza l’Europa.

Tra febbraio e maggio sono arrivati a Roma 200 profughi, la metà composta da bambini.

Ma tanti aspettano ancora nei campi profughi, o rischiano la vita attraverso i disperati viaggi via mare.

Questa sera, alle 20.30, se ne parlerà presso la Basilica dell’Annunziata presso la Sala Frate Sole.