ARCHIVIO

Comparone, l'ex direttore carcere di PonteX condannato a risarcimento

[caption id="attachment_67719" align="alignleft" width="300"] La Corte dei Conti ha condannato al risarcimento di 50 mila euro l'ex direttore del carcere di Genova Pontedecimo, Giuseppe Comparone[/caption]

GENOVA. 24 SET. I giudici della sezione giurisdizionale della Corte dei Conti hanno condannato al risarcimento di 50 mila euro, per danno d'immagine, l'ex direttore del carcere di Genova Pontedecimo, Giuseppe Comparone.

Comparone è accusato di aver avuto un trattamento di favore nei confronti di una detenuta in cambio di sesso. L'accusa che per Comparone è di corruzione per atto contrario ai doveri d'ufficio e falso ideologico, era stato condannato a due anni e sei mesi, sentenza passata in giudicato nel maggio del 2014.

Le indagini penali avevano dimostrato che tra la fine del 2008 e il 2009, aveva riconosciuto ad una detenuta un trattamento di favore concedendole di poter svolgere un lavoro esterno all'istituto di pena, nonostante non ci fossero i presupposti previsti dalla legge, e non era stata presentata neppure la necessaria domanda alla Corte d'Appello.

Secondo l'accusa, il direttore in cambio aveva avuto favori sessuali.

Per i giudici contabili, non ci sono dubbi sulla sussistenza del danno d'immagine arrecato alla pubblica amministrazione, e sottolineano che Comparone abbia "anteposto il proprio interesse a quelli che erano i suoi doveri professionali e istituzionali".