ARCHIVIO

CIE in Liguria, FdI: basta chiacchiere. Solidarietà a CasaPound

GENOVA. 4 DIC. "Meglio tardi che mai". Lo hanno dichiarato oggi Gianni Plinio, vice coordinatore regionale Fratelli d'Italia-AN e Massimo Spinaci, coordinatore genovese, dopo aver appreso che il neoministro dell'Interno Marco Minniti intenderebbe aprire un CIE (Centro Identificazione ed Espulsione) in ogni Regione per contrastare la dilagante immigrazione clandestina.

"E' da anni che chiediamo l'istituzione di un CIE in Liguria - hanno spiegato Plinio e Spinaci - al fine di velocizzare le espulsioni di clandestini in un territorio quale il nostro che, come l'emergenza a Ventimiglia insegna, è particolarmente a rischio. Ora prendiamo atto con piacere che anche il neoministro dell'Interno condivide la nostra proposta e speriamo che riesca a vincere l'esiziale ideologismo che alberga in tanti amministratori di sinistra nostrani e dalle chiacchiere si passi al più presto ai fatti.

Da tempo andiamo chiedendo anche un presidio fisso di polizia nella zona dell'Acquario per meglio contrastare la inquietante presenza di immigrati che molestano turisti e passanti: ora abbiamo appreso ,con soddisfazione, che anche i vertici della PS giudicano utile un provvedimento del genere.

Restiamo in attesa che ci si convinca della bontà anche di un'altra nostra reiterata proposta e cioè quella di potenziare la presenza di militari in funzione ausiliaria di poliziotti e carabinieri per un più adeguato controllo di aree a rischio a cominciare da Sampierdarena insieme con un più sistematico impiego della Polizia Municipale in funzione anticriminalità urbana. Abbiamo, altresì, inviato auguri di pronta guarigione al Sovrintendente della Polizia di Stato Marco Vece, rimasto ferito a Firenze mentre tentava di disinnescare un ordigno e manifestato solidarietà a CasaPound per il vile attentato subito in una loro libreria".