ARCHIVIO

Caso focaccia di Recco, Lauro richiama l'UE

[caption id="attachment_155082" align="alignleft" width="300"] Il consigliere regionale Lilli Lauro: UE e Regione devono collaborare per promuovere la focaccia[/caption]

GENOVA. 22 DIC. “E’ necessario individuare con urgenza una soluzione al problema, perché se è vero che dobbiamo proteggere i nostri marchi più prestigiosi dalle imitazioni e contraffazioni, allo stesso tempo non possiamo accettare che questo si traduca, per assurdo, in una loro penalizzazione”.

Lo ha detto oggi il consigliere regionale Lilli Lauro (Toti Liguria), intervenendo sul caso dei limiti commerciali per la Focaccia di Recco, dopo il riconoscimento Igp da parte dell’Europa, e sulle multe comminate, giustamente, dai carabinieri del Nas ad alcuni del Consorzio di  Recco che producevano e vendevano la focaccia alla Fiera di Rho a Milano, ossi al di fuori di Recco, Camogli, Avegno e Sori.

“La Liguria si è fatta strada nel mondo non solo con le sue bellezze naturali, ma anche con l’eccellenza e la qualità dei suoi prodotti alimentari. Vendendo i sapori della nostra regione, promuoviamo l’intero territorio. Sul caso della Focaccia di Recco bisogna, quindi, intervenire subito, creando un ponte tra Recco, la Regione Liguria  e Bruxelles”.