ARCHIVIO

Carignano, Comitato residenti: accattonaggio molesto dei migranti

GENOVA. 5 GEN. "Ormai non sono soltanto al Porto Antico e nel centro storico genovese. Alcuni migranti importunano e disturbano i cittadini pretendendo soldi, anche per le strade e davanti ai negozi di Carignano. A nostro parere, si può trattare di accattonaggio molesto per cui il Comune ha il dovere di intervenire con azioni di effettivo contrasto. In qualità di portavoce del Comitato di residenti e commercianti di Sarzano e dei negozianti di Carignano, già mesi fa scrissi all'Assessora comunale alla Legalità Elena Fiorini per ottenere un incontro. Gentilmente il suo ufficio mi contattò 3 mesi or sono, dicendo che andava trovato un posto in agenda. Non ho mai ottenuto nessun appuntamento, ma in compenso i problemi si sono aggravati. L'oggetto della mia richiesta era e rimane la mancanza di sicurezza in Carignano".

Lo ha dichiarato oggi Claudio Garau, portavoce di uno dei Comitati di Sarzano e Carignano.

"In questi ultimi mesi la presenza in zona di migranti, si è intensificata, e anche le loro richieste. Inoltre - ha aggiunto Garau - ogni mattina rovistano nei cassonetti per portare la 'merce' in Corso Quadrio, al mercatino illegale, dove si trovano anche oggetti di dubbia provenienza. Hanno orari abbastanza precisi, tra le 10:30 e le 12:30 oppure tra le 17:30 e le 19:30. Le pretese incominciano a salire, come l'essere ormai troppo insistenti e molesti. Forse qualcuno non riscontra problemi in questo, ma molti genovesi si lamentano e non ne possono più. Approfitto per dire all'Assessora Fiorini che se non ha tempo per ricevermi, almeno metta in agenda le problematiche irrisolte, che purtroppo sono diventate quotidiane anche nella zona di Carignano".