ARCHIVIO

Carige, stupore per reazione ex vertici banca

[caption id="attachment_203674" align="alignleft" width="728"] Banca Carige, stupore per la reazione tardiva degli ex vertici[/caption]

GENOVA. 17 LUG. C’è stupore in Banca Carige per la reazione del Fondo Apollo e degli ex Cesare Castelbarco Albani e Piero Montani all'azione risarcitoria di 1,25 miliardi decisa dal cda il 17 giugno per la vendita non vantaggiosa del ramo assicurativo.

“Stupisce - spiega l'istituto di credito genovese - che i convenuti nel processo promosso dalla Banca, a un mese di distanza dal comunicato con il quale venne annunciata l'iniziativa giudiziaria, abbiano ieri contestualmente reso dichiarazioni nelle quali vengono elusi i temi cruciali sui quali si fondano le pretese risarcitorie della Banca".

"la Banca - spiegano all'istituto bancario -  tuttavia, ancor oggi non vuole derogare alla linea di riservatezza che ha voluto darsi riguardo ai contenuti specifici dell'azione giudiziaria, ritenendo che tale cautela, oltre a essere conforme a un costume di correttezza, risponda all'interesse degli stessi convenuti".