ARCHIVIO

Burkini, censurate suore su Facebook. L'imam Salah: Polemiche sterili

[caption id="attachment_214613" align="alignleft" width="728"] Burkini, censurate le suore su Facebook. L'imam Salah: Nessuno le ha criticate[/caption]

GENOVA. 20 AGO. La vincenda aveva fatto un po’ sorridere. Infatti, se da una parte alcuni sindaci francesi avevano vietato sulle spiagge il cosiddetto “ burkini ”, il costume integrale usato da alcune donne musulmane, su Facebook era apparsa una foto che ritraeva un gruppo di suore in abiti religiosi al mare.

Ora però si passa dallo scherzo e la provocazione alla polemica.

La foto delle suore al mare sarebbe stata censurata da Facebook. A denunciare l’episodio è Izzedin Elzir, l'imam di Firenze, lui avrebbe postato tale foto ed avrebbe subito la censura.

Prima di essere cancellata, l'immagine è stata condivisa da molte persone ed era diventata quasi virale su Facebook.

Taluni l’avevano l’avevano interpretata quale dimostrazione che le donne coperte al mare, anche se per motivi religiosi, non dovrebbero creare nessuno scandalo.

Altri hanno rifiutato di accostare i concetti perché le suore sono religiose, mentre tutt’altra cosa sono le musulmane in burkini.

A tale proposito l'imam di Genova, Husein Salah, ha condiviso la foto esprimendosi a favore della presenza di donne coperte: “Ci sono altre donne che scelgono di andare al mare coperte, non solo le donne musulmane, che male c’è?".

In merito alla censura da parte di Facebook: “Ho posta anch’io quella foto prendendola dal profilo di Izzedin Elzir. Nessuno ha voluto criticarle”.

“Ritengo che la polemiche sul burkini siano sterili e pretestuose e non aiutino il dialogo fra le religioni diverse. Ogni cittadino deve essere libero di vestirsi come vuole basta che non infastidisca la pubblica morale”.