ARCHIVIO

Botte a figlia che si veste all'Occidentale: non sei una buona musulmana, sei una puttana

LA SPEZIA. 28 MAG.  Secondo i giudici di La Spezia, ha sottoposto a vessazioni e maltrattamenti la figlia, 'colpevole' di aver preferito lo stile di vita occidentale ai precetti islamici.

Un 44enne islamico, originario del Bangladesh e residente in città, ieri è stato condannato ad una pena di due anni e sei mesi di reclusione e al pagamento in favore della figlia di una provvisionale di 12 mila euro con il risarcimento da definire in sede civile.

Secondo l'accusa, per anni il padre aveva impedito alla giovane di uscire con le amiche e di vestirsi all'Occidentale, arrivando a minacciare la figlia ed a picchiarla, addirittura prendendola a cinghiate con la cintura dei pantaloni.

Vessazioni e torture sono andate avanti dal 2011 al 2016. L'ultimo episodio risale a giugno dell'anno scorso. La ragazza aveva riportato una contusione cranica con ematoma sottocutaneo, contusione temporomandibolare sinistra e distorsione rachide cervicale.

"Non sei una buona musulmana" e poi "Sei una puttana" urlava il padre alla figlia, che per più volte l'aveva schiaffeggiata e costretta anche a rimanere per ore in piedi accanto al letto.

Le indagini che avevano portato il padre al processo erano partite a seguito della denuncia della stessa coraggiosa ragazza, poco più che maggiorenne.