ARCHIVIO

Belpietro su 81enne incarcerato da giudici genovesi: "Stato bullo"

[caption id="attachment_192421" align="alignleft" width="620"] Il direttore di Libero Maurizio Belpietro in un editoriale prende spunto dal caso di Genova, dove un 81enne è stato rinchiuso in carcere solo per oltraggio a pubblico ufficiale: "Stato bullo"[/caption]

GENOVA. 26 FEB. Giudici forti con i deboli e deboli con i forti. Il caso dell'81enne, che a Genova è stato rinchiuso in galera solo per oltraggio a pubblico ufficiale, ha sollevato l'indignazione del popolo del web e ha fatto il giro sui mass media locali e nazionali. Molti cittadini si chiedono se taluna componente della magistratura svolge bene il suo lavoro, applicando la legge nell'effettivo interesse della popolazione, ma nessun rappresentante dei magistrati finora ha avuto il coraggio di replicare.

Il video, condiviso e postato l'altro giorno su Facebook da Guglielmo Bonanno, in cui si vede la vivace protesta dell'81enne nei confronti dei vigili urbani, ha raggiunto quasi due milioni di visualizzazioni.

Dopo l'anticipazione della storia pubblicata quattro giorni fa da Liguria Notizie e la successiva sollevazione popolare sul web da parte di una valanga di cittadini, gli esponenti della politica locale e nazionale sono rimasti altrettanto zitti come i magistrati.

Il fatto, però, è stato ripreso e raccontato da molte prestigiose testate giornalistiche come agenzia Ansa, Agi, La Repubblica, Il Secolo XIX, La Stampa, Corriere della Sera, Il Giornale, Rai, Mediaset.

Il quotidiano Libero oggi ha pubblicato un editoriale firmato dal direttore Maurizio Belpietro. L'articolo del popolare giornalista è intitolato: «La vergogna dello Stato che mette in galera un povero ottantenne». Belpietro ha preso spunto anche dal caso di Genova per dimostrare l'arroganza e limitatezza di uno «Stato bullo che se la prende con un ottantenne». Fabrizio Graffione