ARCHIVIO

BASILICO E SPUMANTE BISSON DAL FONDO DEL MARE

GENOVA. 20 NOV. In Liguria le eccellenze nascono nelle profondità del mare. E' il caso del basilico subacqueo, che viene coltivato nello specchio d'acqua davanti a Noli, e dello spumante 'Abissi', che invecchia nella Riserva marina di Portofino. Due prodotti di qualità che costituiscono un importante biglietto da visita per la regione marina.

Il basilico è prodotto all'interno di biosfere in materiale vinilico trasparente, posizionate a 100 metri dalla costa e immerse per circa 7-9 metri. I semi, provenienti da uno storico produttore della zona, germogliano dopo tre giorni dalla posa.
"Il ciclo clorofilliano - spiegano gli esperti - mantiene livelli accettabili di ossigeno e anidride carbonica. Inoltre non vi sono potenziali pericoli di aggressione da parte di parassiti o insetti come avviene nelle colture terrestri".

Lo spumante delle Cantine Bisson è prodotto con metodo classico champenoise. Per un anno le bottiglie sono conservate a 60 metri di profondità e a una temperatura costante di 15 gradi.

Inoltre l'effetto ondoso svolto dalle correnti marine permette di mantenere in sospensione i materiali di "scarto" che derivano dal processo di spumantizzazione e che sono fondamentali per conferire al vino corpo, struttura e profumo