ARCHIVIO

Arrestato nuovamente sinti 29enne: truffava gli anziani

La polizia oggi ha arrestato di nuovo Fabio Bresciani, nomade sinti di 29 anni, residente in Piemonte, pregiudicato specializzato in truffe e furti ai danni di anziani.

Gli investigatori della squadra Mobile della questura genovese, che lo avevano già arrestato lo scorso mese di marzo, nei giorni scorsi hanno avviato un'attività di analisi degli analoghi episodi avvenuti nel capoluogo ligure.

L’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Genova, si è focalizzata sui ripetuti eventi delittuosi avvenuti con il medesimo modus operand.

Il presunto malvivente si presentava presso le abitazioni degli anziani spacciandosi per un tecnico addetto al controllo delle valvole di sicurezza dei caloriferi e, dopo aver carpito la fiducia delle vittime, si faceva indicare i luoghi dove erano custoditi beni e monili che, a suo dire, avrebbero interferito con le apparecchiature tecniche in suo possesso.

Un complice provvedeva quindi ad intrufolarsi in casa ed impossessarsi dei valori, per poi fuggire e lasciare i malcapitati anziani nella profonda disperazione.

L’attività investigativa è stata supportata anche dalle analisi della polizia Scientifica, che hanno infine consentito l’emissione di una misura cautelare in carcere da parte del gip del Tribunale di Genova.

Il giovane nomade è stato bloccato dagli agenti della Mobile di Genova e dai colleghi di Torino.

L'arrestato è sospettato di avere commesso un elevato numero di analoghi episodi non solo a Genova, ma anche in altre Regioni, come Piemonte, Lombardia e Veneto.

Al 29enne sinti vengono contestati ulteriori 5 episodi, avvenuti tra gennaio ed aprile di quest’anno in danno di altrettanti anziani.

La Questura di Genova, ricordando sempre il decalogo antitruffa presente sul sito della Polizia di Stato, oggi ha invitato tutti i cittadini a diffidare di chiunque si presenti come tecnico di società del gas o di erogazione di servizi senza preventivo e documentato appuntamento, chiedendo di accedere all’interno dell’abitazione.

Tali accessi vengono infatti preventivamente pianificati in occasione di specifiche riunioni condominiali.

In caso di minimo dubbio, segnalare immediatamente al numero di emergenza 112 NUE qualsiasi situazione sospetta.