ARCHIVIO

Arnasco: superstite stabile, procura apre inchiesta

[caption id="attachment_186780" align="alignleft" width="300"] Arnasco: vigili del fuoco ancora al lavoro dopo 24 ore per rendere pienamente accessibile l'area del crollo[/caption]

GENOVA. 17 GEN. Le condizioni dell'unica superstite dell'esplosione di Bezzo di Arnasco sono stabili. Lo hanno spiegato stamane i medici dell'ospedale di Sampierdarena, dove la 40enne brasiliana ieri è stata ricoverata con prognosi riservata. La superstite ha ustioni sull'80 per cento del corpo. Era stata trasferita ieri dal pronto soccorso di Pietra Ligure al centro specializzato grandi ustionati del Villa Scassi in condizioni disperate e intubata perché non riusciva più a respirare da sola.

La brasiliana è un'amica di Marco Vegezzi, il 49enne morto nel crollo dell'edificio. I carabinieri non sono ancora riusciti a identificarla.

La procura di Savona ha avviato un'inchiesta per omicidio colposo e disastro colposo. Per ora non ha iscritto nessuno nel registro degli indagati.

Intanto, i soccorritori dei vigili del fuoco sono ancora al lavoro dopo 24 ore dal crollo della palazzina di Bezzo di Arnasco, causato da una fuga di gas e costato la vita a 5 persone, per sgomberare i detriti e rendere pienamente accessibile l'area. Quattro sfollati stanotte hanno dormito in un agriturismo lì vicino.

http://www.ligurianotizie.it/arnasco-i-morti-sono-cinque/2016/01/16/186773/