ARCHIVIO

Alluvione 2011. Un quarto d'ora per chiedere i rinforzi

[caption id="attachment_57908" align="alignleft" width="300"] Ieri c'è stata la deposizione, nell'ambito dell'inchiesta sull'alluvione del 2011 e costata la vita a sei donne[/caption]
GENOVA. 9 SET. Ieri c'è stata la deposizione, nell'ambito dell'inchiesta sull'alluvione del 2011 e costata la vita a sei donne, di cui due bambine, di Pierpaolo Cha, ex direttore della funzione Genova città sicura.
Cha è imputato insieme all'ex sindaco Marta Vincenzi, l'ex assessore alla Protezione civile, Francesco Scidone, e i dirigenti comunali Gianfranco Delponte e Sandro Gambelli.
Le accuse nei loro confronti sono di omicidio colposo plurimo, disastro, falso e calunnia.
Roberto Gabutti, l'ex coordinatore dei volontari di Protezione civile, è accusato solo di falso.
Dalla deposizione è emerso come al Coa, il centro operativo del Comune, il quattro novembre 2011 nessuno era in possesso del numero della responsabile della protezione civile regionale. E, per chiedere i rinforzi dal momento dell'esondazione del Fereggiano, passarono ben quindici minuti.
Oggi verrà sentito Delponte.