ARCHIVIO

Allarme ladre rom su Fb: costretti a difenderci solo così

[caption id="attachment_169208" align="alignleft" width="505"] Un carabiniere arresta una nomade, ma ormai la gente si affida più al passaparola sul web che alle segnalazioni alle forze dell'ordine perché spesso i cattivi vengono poi lasciati liberi[/caption]

GENOVA. 9 FEB. Dopo gli ubriachi al volante, furti, scippi e aggressioni, arrivano le ladruncole rom. Ormai la sicurezza si fa spargendo la voce fra gli abitanti del quartiere con il tam tam sui social network. A Certosa, il gruppo di residenti che erano stati protagonisti anche della fiaccolata in ricordo di Giuseppe Buttaro, ucciso domenica 24 gennaio dall'ecuadoriano ubriaco e drogato, ha fondato un gruppo su Facebook e oggi ha lanciato l'allarme per una situazione di pericolo davanti alle scuole dei bimbi di piazza Pallavicini.

Il post di uno dei leader del comitato: "Prestare molta attenzione in zona, c'è stato segnalato da una signora che stamane in piazza Pallavicini e stata avvicinata da una ROM con mazzo di fiori in una mano , e un sacchetto con parecchio oro nell'altra, con molta invadenza e insistenza cercava di disorientare la vittima... ..Sicuramente con l'intento di un secondo fine... Occhio!!!".