ARCHIVIO

ALBERGHI LIGURI: STANZIATO FONDO DI 13 MILIONI DI EURO A TASSO AGEVOLATO PER NUOVE STRUTTURE RICETTIVE O RISTRUTTURAZIONE DI QUELLE ESISTENTI

GENOVA 8 AGO. 13 milioni di Euro dentro un fondo per favorire la realizzazione ex novo o la ristrutturazione delle strutture ricettive alberghiere liguri.

Il bando relativo alla distribuzione di quote di tale fondo pubblico è stato approvato ieri dalla Giunta Regionale di Piazza De Ferrari. La proposta è arrivata dall'Assessore al Turismo Angelo Berlangieri, dopo aver sentito le categorie interessate.

Saranno concessi finanziamenti di un importo compreso tra un minimo di 200mila Euro e un massimo di un milione e mezzo di Euro, composto per il 50% da una quota fondi regionali concessi tramite Filse, la finanziaria della Regione Liguria, e per il 50% da fondi messi a disposizione dagli istituti di credito che sottoscriveranno un'apposita convenzione con l'Ente locale.

Il finanziamento potrà essere restituito in 10 o anche in 15 anni. I fondi regionali saranno concessi a un tasso agevolato dell'1% per 10 anni o dell'1,5% per 15 anni. I finanziamenti saranno erogati con un acconto dell'80% ad approvazione della domanda e con il saldo del restante 20% a conclusione dei lavori programmati. Potranno rientrare nel bando anche le aziende alberghiere che hanno già effettuato gli investimenti ammissibili dopo il 1 marzo di quest'anno.

"L'obiettivo della Regione - ha spiegato Berlangieri - è quello di favorire il rinnovamento e l'incremento dell'offerta alberghiera e delle residenze turistiche, residenze d'epoca e locande. L'intervento regionale è partito da queste strutture anche per frenare la richiesta di trasformazione in seconde case e si estenderà in autunno alle strutture ricettive all'aria aperta e extralberghiere dove è forte l'esigenza di una riqualificazione". La presentazione delle domande per accedere al finaziamento agevolato avverrà a partire dal 5 novembre prossimo e fino a esaurimento fondi. La modulstica per la presentazione delle istanze sarà presto disponibile sul sito web della Regione Liguria.

Marcello Di Meglio