ARCHIVIO

Albanese arrestato per rapina nei confronti di un debitore, rilasciato

[caption id="attachment_202314" align="alignleft" width="728"] Albanese arrestato per aver rapinato un debitore viene rilasciato[/caption]

SAVONA. 18 LUG. Un albanese 36enne era stato arrestato per rapina, dopo aver malmenato un uomo al quale aveva preso il cellulare e 155 euro. Davanti al giudice ha dimostrato che quella persone gli doveva dei soldi per un lavoro eseguito e la rapina è diventata “esercizio arbitrario delle proprie ragioni” ed è stato, così, liberato.

E l'uomo torna libero: il giudice non ha convalidato l'arresto. La storia è avvenuta sul lungomare di Savona ed ha come protagonista un albanese di 36 anni.

Nel processo per direttissima che si è svolto a Savona, l’albanese ha dimostrato che la richiesta di denaro era reale e il 57enne malmenato, gli doveva mille euro per alcune prestazioni lavorative non pagate.

L'albanese così ha pensato di farsi giustizia da sè: ha rintracciato l'uomo in uno stabilimento balneare, lo ha aggredito e preso denaro e cellulare, poi si è allontanato.

La polizia, intervenuta per una segnalazione di rapina, lo aveva trovato in un bar vicino e arrestato. Infien el’epilogo con l’albanese che è stato liberato.