ARCHIVIO

Abusivo ecuadoriano stupra, taxi genovesi ci difendono e Doria dorme

[caption id="attachment_196587" align="alignleft" width="728"] Sicurezza solo a bordo dei taxi genovesi[/caption]

GENOVA. 31 MAG. Sicurezza solo a bordo dei taxi genovesi. Autisti abusivi ecuadoriani fuori legge. Tursi non fa controllare, Doria dorme e la gente è sottoposta a pericoli quotidiani.

Questa mattina una delegazione composta dai rappresentanti delle sigle sindacali dei tassisti genovesi – Fita Cna, Fit Cisl, Confartigianato Trasporti, Ugl, SalTaxi, Casartigiani, e Federtaxi - ha incontrato il capo di gabinetto del Prefetto di Genova per affrontare le criticità dovute alla presenza, sul territorio comunale genovese, di tassisti abusivi.

L’incontro è stato chiesto dai rappresentanti della categoria in seguito all’ultimo fatto di cronaca che ha visto vittima di stupro una badante ecuadoriana da parte di un autista abusivo suo connazionale, già da tempo segnalato agli organi competenti.

Al termine dell’incontro, i tassisti genovesi hanno ottenuto l’impegno da parte della prefettura di aprire, entro 20 giorni, un tavolo tecnico con le forze dell’ordine per affrontare il fenomeno dell’abusivismo della professione di tassista e le conseguenze sulla sicurezza dei clienti trasportati.