Home Politica Politica Genova

Zena Fest: domani prof. Becchi, domenica Matteo (tranquilli non è Renzi)

12
CONDIVIDI
Stretta di mano ex ideologo M5S prof. Becchi con Rixi e Salvini (foto C. Oliva)

GENOVA. 29 SET. Dopo le birre, il pesto e gli Alpini, in piazza della Vittoria oggi s’inaugura la Zena Fest con gastronomia tipica, musica, cover di Fabrizio De André, incontri e dibattiti organizzati dalla Lega Nord Liguria.

L’appuntamento è alle 19 con Edaordo Rixi, il coordinatore federale dei Giovani Padani Andrea Crippa ed il segretario della Lega Nord Piemonte Riccardo Molinari. Alle 20 presentazione del nuovo libro del camoglino Fabio Bozzo intitolato “Dal Regno Unito alla Brexit” (Mattioli 1885 editore).

Domani alle 18 convegno sulla “Sicurezza in città” con l’assessore comunale Stefano Garassino, il suo collega spezzino Gianmarco Medusei, il presidente del I Municipio centro Est Andrea Carratù, il commissario del II Municipio Centro Ovest Renato Falcidia. Alle 21 “L’Europa che vogliamo. Dal quadro economico attuale all’uscita dall’euro. Prospettive per i territori” tavola rotonda con il vice segretario federale del Carroccio Giancarlo Giorgetti, il consigliere regionale della Toscana Claudio Borghi Aquilini, l’assessore regionale allo Sviluppo economico Edoardo Rixi, l’assessore regionale all’Agricoltura Stefano Mai ed il docente universitario prof. Paolo Becchi (ordinario di Filosofia del Diritto).


Domenica il clou con Matteo Salvini, che terrà un comizio alle 21 insieme a Rixi ed al governatore ligure Giovanni Toti e sarà preceduto, alle 18, dalla tavola rotonda “La Lega di governo in Regione Liguria” con il presidente del consiglio regionale Francesco Bruzzone, assessori e consiglieri regionali.

Lunedì, alle 21, dopo la tavola rotonda con i consiglieri ed assessori comunali di Genova, è in programma l’appuntamento “A cena col sindaco. Intervista a Marco Bucci”.

 

 

12 COMMENTI

    • se Becchi ha cambiato idea, in politica “cambiare casacca” è un’abitudine molto radicata, anzi un vero e proprio sport molto diffuso! Solo che finché lo si fa a nostro favore, si tace e va tutto bene, anzi si trovano giustificazioni e cavilli vari a livello costituzionale e prostituzionale; se lo fa invece chi va con gli avversari ….. beh allora è un crimine. In ogni modo Becchi NON è un parlamentare e quindi può fare quel che vuole, a differenza di molti altri che siedono in parlamento. Soprattutto NON è pagato con i soldi dei contribuenti per il fare il giuda, ma si guadagna il suo stipendio come insegnante. Poi faccia quel caxxo che vuole, che a noi non viene in tasca niente!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here