Volontariato, la collaborazione tra il Gaslini è il Bambin Gesù

0
CONDIVIDI
Pietro Pongiglione El Gaslini e Mariella Enoc del Bambin Gesù
Pietro Pongiglione El Gaslini e Mariella Enoc del Bambin Gesù
Pietro Pongiglione El Gaslini e Mariella Enoc del Bambin Gesù

GENOVA. 10 GIU.  L’ Ospedale Giannina Gaslini e l’Ospedale Bambin Gesù hanno avviato una collaborazione per studiare il fenomeno del volontariato.

Per questo sabato 11 giugno si svolge l’evento “Ospedale Pediatrico e Volontariato” dalle ore 9.00 alle 13.00 presso il Centro Internazionale di Studi e Formazione CISEF Gaslini di Genova, organizzato dall’Istituto Giannina Gaslini insieme all’Ospedale Bambino Gesù di Roma.

“Questo incontro su un tema così importante per la moderna gestione di una complessa impresa sociale come l’ospedale pediatrico è il secondo concreto passo di un percorso di collaborazione, che vedrà l’impegno di medici, infermieri, ricercatori e volontari dell’Ospedale Giannina Gaslini crescere sempre più in sinergia con i colleghi dell’Ospedale Bambino Gesù, nell’ottica di un impegno comune nella lotta a tutte le malattie – anche quelle oggi più difficili da individuare e curare – che colpiscono i bambini” spiega Pietro Pongiglione, presidente del Gaslini. Il 28 dicembre 2015, è stato infatti siglato a Genova l’accordo tra i due enti, per portare aiuto nei Paesi in via di sviluppo, attraverso programmi di formazione in ambito pediatrico e amministrativo-gestionale, sia nei Paesi di origine, sia presso le sedi dei due Ospedali.
“Questo partenariato attivo tra noi e gli amici e colleghi del Bambino Gesù, non è una semplice somma di eccellenze, ma una moltiplicazione delle conoscenze non solo clinico scientifiche ma, in questo caso, anche manageriali di studio e valorizzazione del fenomeno del volontariato. Fenomeno che, per gli ospedali pediatrici, è diventato risorsa economica e sociale importantissima e, in certi casi, indispensabile.” – conclude il presidente Pongiglione.

 

“In un momento storico come questo, in cui torna attuale la povertà sanitaria, iniziative che mettono a sistema le conoscenze e le risorse di due eccellenze pediatriche come il Gaslini e il Bambino Gesù possono fare la differenza per tutte quelle fasce della popolazione più colpite dalla crisi”, spiega Mariella Enoc, presidente dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

“Nelle nostre strutture che hanno a che fare con bambini e ragazzi provenienti da tutto Italia e dall’estero, affetti da patologie spesso complesse o rare, il volontariato diventa un valore aggiunto irrinunciabile sul piano dell’accoglienza, dell’accompagnamento, della relazione con i pazienti e le loro famiglie, sia all’interno che all’esterno delle mura ospedaliere, nelle case famiglia e nella gestione dei rapporti con il territorio e le istituzioni. Ma non solo: il volontariato rappresenta anche uno straordinario strumento di indirizzo, orientamento e verifica della nostra attività sanitaria e persino scientifica. Le associazioni di volontariato, di pazienti e di familiari, infatti, partecipano attivamente attraverso appositi comitati alla programmazione sanitaria, offrendo consigli, suggerimenti, punti di vista, richieste e se serve anche critiche. Grazie al loro prezioso aiuto facciamo il possibile per far sentire il piccolo e la sua famiglia come a casa”.

L’incontro, aperto dai saluti del Cardinale Angelo Bagnasco, presidente della CEI e arcivescovo, entrerà nel vivo con la lettura magistrale del professor Stefano Zamagni, ordinario di Scienze Economiche dell’Università degli Studi di Bologna, uno dei massimi esperti del terzo settore in Italia, che approfondirà il ‘Valore sociale e le ricadute economiche del volontariato a supporto del sistema ospedaliero italiano’. E’ previsto poi l’intervento del professor Marcello Montefiori docente di Economia Sanitaria all’Università di Genova con la relazione: “Istituzioni pubbliche e non profit: l’effetto sostituzione”.

Seguirà la presentazione delle esperienze e delle buone pratiche di Gaslini e Bambino Gesù, con le relazioni dei rispettivi presidenti Pongiglione e Enoc.

LASCIA UN COMMENTO