Home Cronaca Cronaca Genova

Visita Papa a Genova, tombini saldati e guardie svizzere

3
CONDIVIDI
Visita Papa a Genova, tombini saldati e guardie svizzere

GENOVA. 20 MAG. In occasione della visita di Papa Francesco a Genova, il 27 maggio, saranno diverse le restrizioni a Genova.

E’ stata disposta anche la saldatura di tutti i tombini dell’area della cattedrale di San Lorenzo e della zona di piazzale Kennedy, i due punti ritenuti più delicati dell’intensa giornata genovese di Papa Francesco.

Gli aerei privati senza un piano di volo non potranno sorvolare il capoluogo ligure.


Per garantire la sicurezza della visita del Papa saranno impiegati tutti i reparti speciali delle forze di polizia: compresi i nuclei cinofili antisabotaggio e i tiratori scelti che saranno dislocati nei punti più strategici dell’itinerario del Papa.

Il mare davanti al litorale della città sarà invece sorvegliato dalle motovedette della capitaneria.

Nella cattedrale di San Lorenzo e nella basilica della Madonna della Guardia il servizio d’ordine per tutelare l’incolumità del Papa sarà gestito direttamente dai gendarmi della Città del Vaticano.

Un tombino saldato in piazza Matteotti per la visita di Papa Francesco

3 COMMENTI

  1. L’hobby di accumulare patrimoni smisurati fingendo d’esser povero …
    Il maggiore e singolo detentore di lingotti (ingot/bullion) rispetto a qualsiasi altra organizzazione nel corso dei trascorsi 1.000 anni è, ed è sempre stato, il Culto Romano che controlla la Chiesa Cattolica. La Chiesa Cattolica Romana controlla approssimativamente 60.350 tonnellate d’oro, due volte la dimensione delle riserve ufficiali totali di oro di tutto il mondo, o approssimativamente il 30,2% di tutto l’oro mai estratto/prodotto. A prezzi correnti, è possibile stimare il valore di tali beni che costituiscono il più grande tesoro della storia dell’umanità in oltre 1.245 miliardi di dollari statunitensi ($). Per la maggior parte dei trascorsi 1.000 anni, la Chiesa Cattolica ha assunto una posizione dominante che gli ha permesso di controllare i mercati dell’oro a livello mondiale, in relazione al fatto di aver posseduto oltre il 50% di tutto l’oro, ed in una posizione talmente dominante, a partire dal XIV secolo fino a giungere al XVII secolo, da controllare oltre il 60% di tutto l’oro mai estratto.
    (copia e incolla da L’economico)
    http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-02-15/chiesa-2mila-miliardi-immobili-082813.shtml?uuid=Ab3cTeUH

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here