VIRUS CRYPTOLOCKER. LA POSTALE SGOMINA BANDA DI PIRATI

0
CONDIVIDI
Ha il suo video hard e la ricatta: arrestato 30enne napoletano

cryptolocker polizia-postale hackerGENOVA. 9 LUG. In merito al virus o malware denominato Cryptolocker la Polizia Postale ha sgominato una banda di hacker, o meglio di truffatori informatici del Veneto.

Il virus Cryptolocker prende “in ostaggio” i file criptandoli e chiede un “riscatto” per avere la chiave di decrittazione e da mesi si aggirava su internet.

Ora però la polizia di Trieste ha trovato e denunciato  sette persone, accusate di aver diffuso il virus, di accesso abusivo informatico, estorsione e riciclaggio degli illeciti proventi realizzati. Nelle perquisizioni sono stati sequestrati computer, hard disk, tablet, pen drive usb, smartphone, carte di credito e diversi documenti.

 

Il Cryptolocker viene trasmesso attraverso un’email, scritta in perfetto italiano apparentemente proveniente da corrieri o istituzioni. Chi ha la sventura di cliccare su sul link proposto, però, scarica un programma che cripta la maggior parte dei file, rendendoli così inaccessibili a meno di avere una chiave di accesso.  Per ottenerla l’unico sistema è pagare un “riscatto”.

Finora nella trappola erano caduti privati, aziende, ma anche tribunali, uffici comunali e persino alcune strutture delle forze dell’ordine.
Del caso se ne è occupata la Postale di Trieste che ha individuato, dapprima una persona in provincia di Padova, poi altre sei persone.

I sette si presentavano semplici intermediari di bitcoin e non solo si dichiaravano estranei alla diffusione del virus, ma sui propri siti invitavano le malcapitate vittime a non pagare alcun riscatto in caso di attacco bensì a sporgere denuncia presso la polizia postale.

Poi però in privato si scambiavano consigli sulla diffusione del Cryptolocker, sul riciclaggio del denaro, su come comportarsi davanti alle forze di polizia in caso di perquisizione o di assunzione di sommarie informazioni, indicazioni su nomine di avvocati di fiducia e altro.

LASCIA UN COMMENTO