Violenza sessuale: insegnante di Lavagna è innocente

0
CONDIVIDI
tribunale corte appello
Revocati arresti domiciliari per otaio genovese; non sussistono gravi indizi di colpevolezza
tribunale corte appello
Un professore di Lavagna, che insegnava in un istituto tecnico di Chiavari, era stato accusato da studentesse di violenza sessuale, ma era innocente

GENOVA. 10 FEB. Violenza sessuale in un istituto scolastico tecnico di Chiavari: il fatto non sussiste. L’altro giorno il professore di Lavagna, che insegnava a Chiavari, assistito dagli avvocati Andrea Vernazza e Angelo Paone, è stato assolto dai giudici della Corte d’Appello di Genova. Quattro anni per fare luce sugli episodi contestati, che risalgono al 2012 e non riguardavano stupri, ma molestie di natura sessuale.

L’insegnante era stato denunciato alla direzione scolastica dell’istituto, forse per vendetta, da alcune studentesse. Tre di loro, poi, avevano rinunciato ad andare avanti nelle denunce. Secondo l’accusa, il prof. avrebbe lasciato cadere la mano morta sulle parti intime delle giovani, strusciandosi anche sui loro seni, mettendole in imbarazzo.

All’epoca, la procura non avrebbe chiesto nessuna perizia di uno psichiatra forense del Tribunale per stabilire l’attendibilità delle giovani, di età compresa tra i 15 e i 17 anni. Ciò nonostante, in primo grado l’insegnante era stato condannato a 3 anni e otto mesi. L’altro giorno la sentenza è stata riformata e in Appello è risultato innocente.

 

 

LASCIA UN COMMENTO