Viale dà le info su esenzioni ticket e silura dirigente di Montaldo

1
CONDIVIDI
Il vicepresidente della giunta regionale Sonia Viale con l'ex ministro degli Interni Bobo Maroni: campagna anti truffe anche nelle Asl
Il vicepresidente della giunta e assessore regionale Sonia Viale (Lega Nord)
Il vicepresidente della giunta e assessore regionale Sonia Viale (Lega Nord)

GENOVA. 7 APR. L’assessore alla Salute Sonia Viale oggi ha dato tutte le info sull’esenzione del ticket sanitario e ieri ha già provveduto a silurare la dirigente regionale, ritenuta una delle responsabili del caos degli ultimi giorni agli sportelli delle Asl liguri.

“Ogni anno 1 ligure su 3 – ha spiegato Viale – riceve dalla propria Asl una richiesta di rimborso ticket per non averlo pagato, molto spesso in buona fede con un esborso medio pro capite di 237 euro, circa il triplo dell’ammontare del ticket che avrebbe dovuto versare. Una situazione questa che genera comprensibilmente preoccupazioni nei cittadini e spesso anche difficoltà nel provvedere al pagamento. Per evitare il ripetersi di questi casi, abbiamo deciso di mettere a riparo tutti i cittadini che hanno diritto all’esenzione ticket per reddito dando la possibilità di autocertificazione dal 1° aprile e interrompere quindi il regime di proroga, che si protraeva ormai da anni. La scadenza al 31 marzo delle precedenti autocertificazioni è stata disposta a livello ministeriale e la Regione Liguria si è dovuta adeguare, dopo per altro anni di proroghe che hanno causato anche lo spiacevole fenomeno delle ‘cartelle ticket’ “.

Viale ha poi confermato che per il prossimo anno la Regione Liguria ha già adottato misure più semplici per gli anziani: “Gli over 65 che per reddito sono esenti dal pagamento del ticket sulle prestazioni di diagnostica strumentale, esami di laboratorio e prestazioni specialistiche in ambulatorio dal 2017 non dovranno più presentare l’autocertificazione annuale, che resterà valida a meno che non subentrino variazioni di reddito”.

 

“Viste le lunghe code agli sportelli – ha aggiunto Viale – registrate in questi giorni e che ho verificato personalmente, è evidente che non abbia funzionato qualcosa nella macchina della trasmissione di adeguate informazioni ai cittadini interessati. Pertanto voglio ribadire che non è necessario sottoporsi a lunghe attese negli uffici delle Asl e a disagi, ma per ottenere l’esenzione ticket per reddito, basterà presentare, entro l’anno in corso, l’autocertificazione nel momento in cui si dovrà prenotare un esame o una visita specialistica. Per sgombrare il campo da qualsiasi dubbio che legittimamente può sorgere soprattutto tra gli anziani e le fasce più deboli, ho dato disposizione che venga inviata a tutti i cittadini interessati una lettera personalizzata con tutte le informazioni che lo riguardano. Chi, entro fine mese, non vedrà recapitata alcuna comunicazione, non dovrà presentare nessuna documentazione né autocertificazione”.

Per dare informazioni ai cittadini in merito alle esenzioni, la Asl 3 genovese ha attivato due numeri dedicati (010 8496740-0108496768) che hanno già risposto a 1.200 richieste e a breve sarà attivato anche un numero verde. Dal 1° di aprile e per tutto il 2016, gli over 65 esenti per reddito – ma non presenti nei registri del Ministero dell’economia e finanze – potranno presentare autocertificazione in Asl e resterà valida negli anni successivi.

In generale, sono esenti da ticket alcune categorie di cittadini in base a età e reddito del nucleo familiare d’appartenenza: bambini sotto i 6 anni e over 65 con reddito non superiore ai 36.151 euro; disoccupati e familiari a carico; titolari di pensioni sociali e familiari a carico; over 65 con pensione minima e loro familiari a carico. Per gli esenti per patologia, non c’è bisogno di alcuna documentazione, ma sarà seguita la prassi dal medico curante al momento della formulazione della ricetta.

I controlli per autocertificazione esenzione ticket in Liguria (Fonte: Sogei-Società informatica del ministero dell’Economia e delle Finanze) nel periodo 2012-2014 (regime di proroga su presentazione autocertificazione esenzione ticket per reddito) sono stati:

2012: 153.000 controlli di cui 36 mila risultati non aventi diritto (23%)

2013: 118.000 controlli di cui 29.000 risultati non aventi diritto (24,5%)

2014: 156.000 controlli di cui 43.000 risultati non aventi diritto (27,5%)

In media la ‘cartella ticket’ recapitata ai cittadini liguri (dati Asl 3) è risultata di 237 euro.

Solo nell’Asl 3 genovese nel 2013 (ultimo dato disponibile) sono stati avviati 4.236 procedimenti e a fronte di un pagamento complessivo non effettuato di 290 mila euro i cittadini sanzionati hanno versato circa 715 mila euro.