Via Timavo, migrante del Mali picchia genovese 22enne: arrestato

49
CONDIVIDI
Tunisino arrestato in ospedale dai carabinieri

GENOVA. 17 SET. Ieri alle ore 23,30 circa in Via Timavo, i carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno arrestato per “resistenza a Pubblico ufficiale” nonché deferito per “lesioni personali e  perché straniero sprovvisto di documenti di riconoscimento al seguito” un immigrato del Mali, 24enne, residente a Genova, incensurato.

Il giovane, in evidente stato di alterazione psicofisica, senza alcun motivo, colpiva con un pugno al volto un ragazzo 22enne genovese. All’arrivo di una pattuglia della Radiomobile, l’aggressore colpiva con alcuni pugni anche uno dei militari. Il supporto dell’Aliquota di Primo Intervento, nel frattempo sopraggiunta, consentiva di bloccare il prevenuto.

Il 22 enne e il carabiniere venivano successivamente visitati dai sanitari del locale ospedale “San Martino”,  giudicati guaribili rispettivamente in 6 e 7 gg. e dimessi. L’arrestato, visto il persistente stato di agitazione, è stato ricoverato presso lo stesso nosocomio e piantonato.

 

 

49 COMMENTI

    • Daffy Davide Innanzitutto cerca di rispettare le opinioni altrui io non ti conosco e zitta lo dirai a tua sorella. Detto ciò io non so in che Paese vivi, ma se vivi in Italia ti sarai accorto che è un Paese in recessione con tanti disoccupati, con pensionati che non arrivano a fine mese, una grande fetta di italiani non può neppure permettersi di curarsi per i tagli fatti alla sanità …. quindi per poter far fronte a tutti, bisogna dare accoglienza a chi effettivamente viene da una guerra! A parte il fatto che questo governo marcio non se ne frega una mazza di chi viene e da dove, ma basta che ci lucri sopra! NOI qui non siamo negli Stati Uniti, dove all’epoca c’era ricchezza e posto per tutti, questo è un piccolo Stato in crisi economica e non possiamo permetterci di abbandonare i cittadini italiani per far fronte a questa moderna tratta degli schiavi!

    • certamente non dovrebbe essere qui!!!! ma per questi politiconi e buonisti senza cervello come il soprascrivente Daffy, per loro rende bene ed è questo che interessa la situazione in cui si trovano gli italiani.

  1. Per i signori buonisti … portateli tutti a casa vostra m anteneteli con i vosri soldi … la gente è stufa !!! Noi quando siamo emigrati .. siamo andati a lavorare non a rubare stuprare e uccidere

  2. E noto che la soglia di sopportazione negra…e molto al di sotto.di quella fondata su principi cristiani…l evoluzione va aiutata con la customizzazione e il proselitismo come dai tempi ..delle Americhe..Non è forse cosi”???

  3. Non capisco cosa aspettiamo? l’Italia ha bisogno di forni, grandi forni, forni immensi!!!!
    ….e poi: riempirli non solo le “risorse” ma anche con tutti coloro che le fanno entrare

LASCIA UN COMMENTO