Via Edera: sinistra sabato in piazza per immigrati, destra contro

10
CONDIVIDI
Il capogruppo regionale FdI Matteo Rosso e il vicepresidente del consiglio comunale Stefano Balleari
Il capogruppo regionale FdI Matteo Rosso e il vicepresidente del consiglio comunale Stefano Balleari: inconcepibile mettere gli immigrati nel palazzo Ceis di via Edera
Il capogruppo regionale FdI Matteo Rosso e il vicepresidente del consiglio comunale Stefano Balleari: inconcepibile mettere gli immigrati nel palazzo Ceis di via Edera

GENOVA. 17 FEB. Sabato prossimo i residenti di sinistra di Quezzi organizzano una manifestazione a favore dell’insediamento degli immigrati in via Edera: “nel nome dell’accoglienza e della solidarietà tra stati e popoli, il comitato per gli immigrati e contro ogni forma di discriminazione sta organizzando un presidio, che si terrà dalle ore 10 in largo Merlo e dove interverranno pubblicamente: Aleksandra Matikj(ć) presidente del comitato; Mauro Musa, presidente dell’associazione 3 Febbraio; Antonio Bruno, capogruppo comunale FdS; Massimiliano Melone, segretario Sel Genova; Giuseppe del Molinetto”.

«Noi invece – hanno replicato il capogruppo regionale FdI Matteo Rosso e il vicepresidente del consiglio comunale Stefano Balleari (Pdl-FdI) – condividiamo le forti preoccupazioni dei cittadini e delle famiglie residenti nel quartiere popoloso di Genova Quezzi che hanno raccolto circa 1.500 firme per esprimere la propria contrarietà all’arrivo, sembrerebbe imminente, di circa 50 richiedenti asilo nella casa Bozzo gestita dal Ceis. Ci sono molte criticità che non possono non essere tenute in considerazione. Pertanto, ci attiveremo sia in Regione, sia in Comune, per chiedere chiarimenti in merito e soprattutto per verificare come si intenda compatibile questo progetto di accoglienza con le reali condizioni di logistica del quartiere».

 

 

 

10 COMMENTI

  1. Bastaaaaaaa,siamo alla frutta noi genovesi,c e’gente che sul serio mangia a stento compresi vecchi e bambini , gente professionista nei vari settori a casa e.si ha il coraggio di manifestare per chi???? Ma come si fa a tollerare.gente che organizza queste cose!!! Io sono di sanfru ed e’ miseria nera per tantissimi di noi ,manifestate per noi!!!!

  2. Ma che sinistra e destra quando si parla di SICUREZZA non vedo cosa possa centrare ! Io li manderei in qualche quartiere di destra magari con un po’ di Zingari così poi vedi destra e sinistra ma va va …..

  3. La madre degli “idioti”è sempre incinta,non si capisce come si possa essere autolesionisti perché si ha una tessera del Pd o di Sel o si faccia parte di qualche centro sociale.La fanatica e folle ideologia buonista fa compiere manifestazioni di tale genere,noi di Alternativa Tricolore siamo decisamente contrari,la cosa più sensata è che chi manifesterà farebbe più bella figura se ospitasse in casa propria uno dei cinquanta extracomunitari nella propria casa.Ribadiamo che in via Edera non ci sono le premesse per un nuovo centro di accoglienza.

  4. Non è un luogo adatto per fare un centro simile. Come possono testimoniare i video e le fotografie fatte dal comitato che si è formato in via Edera vi sono problemi di sicurezza, sia per i muraglioni oramai bolsi e pericolanti, sia per la viabilità, un autoambulanza fatica realmente ad arrivare in cima alla via dove è situato questo centro.Le forze dell’ordine faticherebbero a sedare un eventuale problema.Tra l’altro dietro vi è il bosco che porta a Pianderlino ed in caso di eventuali fughe capite bene il problema no?Non sa da fare…e prima la cosa sarebbe stata ben da studiare caso mai….invece gli abitanti sono stati avvisati a cose fatte.Non è una bella cosa.

LASCIA UN COMMENTO