Ventimiglia, No Borders e immigrati vogliono passare: bloccati

4
CONDIVIDI
Una protesta di immigrati e No Borders delle scorse settimane a Ventimiglia: respinti
Un centinaio di attivisti della rete No Borders e altrettanti giovani immigrati clandestini, oggi volevano oltrepassare il confine a Ventimiglia, ma sono stati bloccati dalla polizia
Un centinaio di attivisti della rete No Borders e altrettanti giovani immigrati clandestini, oggi volevano oltrepassare il confine a Ventimiglia, ma sono stati bloccati dalla polizia

GENOVA. 23 APR. Un centinaio di attivisti della rete No Borders, spalleggiati da altrettanti giovani immigrati in prevalenza maschi, oggi hanno marciato minacciosi verso la linea di confine a Ventimiglia, ma sono stati bloccati dalla polizia. Il corteo di protesta ha poi raggiunto la stazione ferroviaria.

Inoltre, secondo alcune fonti investigative, alcuni degli attivisti aiuterebbero i clandestini a non farsi identificare mediante le impronte digitali. Molti immigrati che bivaccano nella città al confine francese, si rifiutano, infatti, di sottoporsi alla normale procedura richiesta dalla normativa.

Loro dicono che è un atto disumano e non rispetterebbe i trattati internazionali. Altri spiegano che alcuni immigrati si rifiutano perché altrimenti non potrebbero più fornire degli “alias” per sfuggire alle forze dell’ordine, in caso di reati commessi in Europa.

 

Loro la chiamano disobbedienza civile. Altri solo violenza e minacce. Gli attivisti hanno pure organizzato un pranzo solidale, distribuendo cibo e bevande ai clandestini, ma altri hanno bollato l’iniziativa come il picnic del fine settimana.

In ogni caso, oggi alcuni dei figli di papà che sabato sera scorso avevano tenuto in ostaggio Genova, imbrattando con 400 scritte i nostri palazzi storici, per il fine settimana si sono ritrovati a Ventimiglia per protestare ancora. Tuttavia, stavolta la polizia è intervenuta.

 

4 COMMENTI

  1. ….un bello spargiletame…altro che idrante!non ti vuoi fare identificare?? …bene..ti riporto in mare in acque internazionali e ti lascio li…altrimenti rimani qui in carcere finché non ti fai identificare!

LASCIA UN COMMENTO