Vele spiegate verso il 55° Salone Nautico

0
CONDIVIDI
Vele spiegate verso il 55° Salone Nautico
Vele spiegate verso il 55° Salone Nautico
Vele spiegate verso il 55° Salone Nautico

GENOVA. 27 AGO. Vele spiegate per la 55° edizione del Salone Nautico di Genova (30 settembre – 5 ottobre) con 29 Paesi del mondo coinvolti.

L’appuntamento si conferma punto di riferimento per la nautica, con una grandiosa manifestazione di interesse da parte di media e operatori internazionali rappresentata anche da una crescita a doppia cifra delle iscrizioni rispetto al 2014 e da grandi ritorni tra gli espositori.

Questi dati grazie anche all’ allineamento di tutti gli attori coinvolti – Ministero dello Sviluppo Economico, ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, Regione Liguria e Città di Genova – concordi sull’importanza della manifestazione come unico evento dedicato alla nautica da diporto.

 

“Siamo consapevoli – afferma Carla Demaria, Presidente UCINA – della grande responsabilità che accompagna una manifestazione come Il Salone di Genova: la nautica è un asset importantissimo per l’economia italiana e per questo sfrutteremo al meglio i fondi del piano straordinario made in Italy accordatici dal MISE. Grazie alla sua vocazione internazionale il Salone Nautico è una straordinaria vetrina delle eccellenze della nautica in Italia e nel mondo”.

L’Agenzia ICE, in accordo con UCINA, si è occupata della selezione e delle attività di welcoming di operatori e giornalisti stranieri, incluso l’allestimento di apposite lounge a loro dedicate e l’organizzazione degli incontri B2B con gli espositori, l’assistenza e il coordinamento, eventi di networking oltre che una serie di ‘dealer meeting’ con l’obiettivo di agevolare l’incontro degli espositori con i rispettivi dealer esteri e di stimolare, quindi, la domanda.

Da segnalare anche il workshop organizzato in collaborazione con Porsche Consulting che illustrerà nuove opportunità, dal Deployment strutturato dei valori dell´azienda allo sviluppo di nuovi servizi integrati, dal pieno controllo sincrono della filiera cliente-fornitore alla gestione modulare di un prodotto sempre più customizzato.

“Siamo felici di poter contribuire a rafforzare la dimensione internazionale del Salone Nautico di Genova, coinvolgendo operatori provenienti da tutta Europa, dagli Usa e dall’Oriente e rendendo il Salone il luogo privilegiato di incontri e relazioni di business: questo va a beneficio di tutto il settore nautico e in particolare degli espositori italiani” commenta Riccardo Maria Monti, Presidente dell’Agenzia ICE.

Il format del Salone 2015 è stato ideato per rafforzare l’appeal della manifestazione ed estenderlo a diversi target– aziende e appassionati di nautica – grazie a numerose e importanti iniziative. I visitatori, quindi, non saranno attirati a Genova solo dalle barche in esposizione ma anche da un ricco programma di eventi e appuntamenti che animeranno il Salone: prima fra tutti la celebre VOR, presente per la prima volta con i suoi equipaggi, ma anche le prove in acqua, il Teatro del mare, luogo di incontro della comunità, e come dimenticare Eataly, che alletterà il palato di grandi e piccoli.

Sarà l’arte ad animare ed inaugurare il calendario di eventi con l’apertura della mostra “Dagli Impressionisti a Picasso. The Masterpieces from The Detroit Institute Of Arts at Palazzo Ducale”: capolavori di Edgar Degas, Camille Pissarro, Gustave Courbet, Vincent van Gogh, Claude Monet, Henri Matisse, Paul Gauguin, Paul Cézanne, Pierre Auguste Renoir, Amedeo Modigliani, Wassily Kandinsky, Otto Dix, Oskar Kokoschka Juan Gris, Georges Rouault e Pablo Picasso riuniti per un racconto dell’arte e di una delle collezioni più importanti d’America.

Dulcis in fundo…non poteva mancare l’evento inaugurale del Salone, riservato a ospiti, autorità locali e influencer, che prevederà quest’anno una grande serata di charity: un evento esclusivo che vuole essere la celebrazione del mare, un excursus sulla nautica e sulle passioni del mare e il cui ricavato sarà devoluto all’Istituto Gaslini di Genova.

LASCIA UN COMMENTO