Home Sport Sport Imperia

Vela, successo ad Imperia per il trofeo Ernesto Quaranta

0
CONDIVIDI
Dragoni

IMPERIA 22 GIU.  Mario Quaranta festeggia meritatamente per la terza volta nel 2017. La Sibma Navale Italiana di Dolcedo, nell’entroterra ligure alle spalle di Imperia, noto cantiere specializzato nella realizzazione e nel restauro di scafi in legno, fondato da Ernesto Quaranta nel 1962, compie infatti quest’anno 55 anni, stessa età del figlio Mario, l’attuale titolare, che ha vinto  a Imperia il Trofeo Ernesto Quaranta, regata di dragoni classici, costruiti in legno prima del 1970, organizzata dal Porto Maurizio YC e dallo YC Imperia.

Tanto più soddisfatto perché la vittoria è stata conquistata a bordo di VENILIA (ITA 19), dragone classico costruito dal cantiere Borrensen nel 1957, che ha mirabilmente restaurato. A bordo Paolo Manzoni, timoniere, Mario Quaranta, tattico, e Andrea Quaranta. Al secondo posto JAVELIN (ITA 49), Pedersen & Tuesen del 1959, timonato dall’armatore Fabio Mangione (CN Rimini), con Albino Fravezzi e Leardini. Al terzo posto SAINT GEORGE (FRA 191), Borrensen del 1967, del francese Didier Cuny, seguito da ALCESTE (SUI 147), di Ivano Girlanda e da DRAGO (ITA 61) di Alberto Drago, entrambi costruiti nel 1969 dal cantiere Wirtz.

Si è invece affermato fra i dragoni “moderni” DRAGONFLY (ITA 50) di Maurizio Rainisio (Porto Maurizio YC). Le regate sono iniziate venerdì con mare calmo e cielo terso, vento da Ponente di 10 nodi, che è rinforzato nel pomeriggio fino a 15 nodi permettendo lo svolgimento di tre belle prove, che sono state abbondantemente commentate e innaffiate al Social Dinner della sera. Venerdì stesse condizioni nella prima metà della quarta prova che però sono degenerate con salti della direzione e forza del vento a causa del contrasto fra un sopravveniente forte flusso da Levante e il Ponente.


Il Comitato ha saggiamente fatto rientrare la flotta che ha poi richiamato fuori quando il Levante si è ritirato e le condizioni si sono stabilizzate, permettendo lo svolgimento della quinta prova che ha fatto scattare lo scarto. La mattina di domenica il vento soffiava forte da grecale, facendo registrare 30 nodi nella baia, che discendevano poi a 15-17 nodi, lasciando però una situazione di forte incertezza con transito di grossi nuvoloni. Il meteo, che prevedeva vento a raffiche tra 20 e 25 nodi fre le zone di bonaccia, ha convinto Comitato (e regatanti) a concludere l’evento. Alla premiazione molto apprezzati gli omaggi dell’oleificio Isnardi di Oneglia. Prossimo appuntamento il 15 e 16 luglio per la Pigato Regatta, terza tappa del West Liguria Sail & Taste Series.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here