Vela, nel week end a Chiavari il Trofeo Boletto

0
CONDIVIDI
Radial
Trofeo Boletto
Trofeo Boletto

GENOVA 29 MAR.  Sabato 2 e domenica 3 aprile si terrà la quarta edizione della regata “50 Anni di Derive”, nella tradizione dello storico Trofeo Boletto, che si è tenuto dal 1973 al 2011, organizzata dallo Yacht Club Chiavari e riservata alle imbarcazioni delle classi Fireball, Contender, Strale e Laser (che parteciperà suddivisa nei tre raggruppamenti Standard, Radial e 4.7). Le imbarcazioni si affronteranno in più prove nello specchio acqueo antistante Chiavari.
La regata “50 Anni di Derive” per i Fireball assume particolare importanza, in quanto è valida come prova del Campionato Nazionale 2016, mentre per la Classe Contender è valida come prova per il Campionato Zonale.
Come ogni anno la manifestazione conta sulla partecipazione di numerosi equipaggi provenienti non solo dalla Liguria, ma anche da diverse altre regioni d’Italia come Emilia, Lazio, Toscana, e in varie edizioni anche dall’estero.
Domenica, al termine delle regate, avrà luogo la premiazione con la presenza di autorità comunali e di alcuni rappresentanti della Tomasoni Topsail spa, con i marchi North Sails e Henry Lloyd, che supporta l’organizzazione della regata.
Con questa regata si apre l’attività sportiva 2016 dello Yacht Club Chiavari, che proseguirà nel mese di aprile con la prima regata di vela d’Altura: il Trofeo Lions Club Chiavari Castello (evento benefico, in favore dell’Istituto Baliatico di Chiavari); nel mese di maggio, sabato 14 e domenica 15, si terrà la prima edizione del Trofeo Memorial Franco Casareto, riservato alle Classi ORC, IRC, Libera e J80, che vuole ricordare Franco Casareto, Socio e Consigliere YCC prematuramente scomparso lo scorso anno; dopo l’estate la stagione agonistica YCC avrà il suo culmine con il Campionato Vela d’Autunno Yacht
Club Chiavari, che comprende il Trofeo Marina Yachting (17-18 settembre), la Coppa e Trofeo Dallorso
(1-2 ottobre) e la Regata Sociale Open Banco di Chiavari e della Riviera Ligure Memorial Romano
Caselli

LASCIA UN COMMENTO