Val Bisagno in guerra con Toti per il fangodotto lasciato alla Volpara

0
CONDIVIDI
Una protesta dei comitati di cittadini alla Volpara in Valbisagno
Una protesta dei comitati di cittadini della Val Bisagno
Una protesta dei comitati di cittadini della Val Bisagno

GENOVA. 7 MAG. Battuta d’arresto per lo spostamento del fangodotto alla Volpara. Lunedì alle 17,30 presso la Società Democratica di via delle Gavette 60 è in programma un’assemblea pubblica sulla questione del fangodotto alla Volpara e del depuratore di area centrale (Dac) a Cornigliano, al centro delle recenti e roventi polemiche.

La struttura in Val Bisagno rischia di non essere dismessa per la decisione della giunta Toti, la quale non ha inserito il nuovo depuratore di Cornigliano tra le opere prioritarie del sistema dei depuratori liguri, che prevede anche lo spostamento del fangodotto.

Negli ultimi giorni sul territorio sono stati organizzati presidi e volantinaggi.

 

Sul caso della Volpara, i cittadini dei comitati nei mesi scorsi hanno anche presentato un circostanziato esposto in procura.

 

LASCIA UN COMMENTO