Home Cultura Cultura Italia

IN USCITA ULTIMO LIBRO DI CARLO PETRINI. “CIBO E LIBERTÀ. SLOW FOOD: STORIE DI GASTRONOMIA PER LA LIBERAZIONE”

1
CONDIVIDI

petrinistoriegastronomialiberazionelnCUNEO 7 NOV. “Il cibo potrà renderci liberi se tornerà a essere il “nostro” cibo, in tutti i modi esistenti e immaginabili, secondo le diverse culture e inclinazioni. Perché cibo è libertà”.

Così, a quattro anni da “Terra Madre. Come non farci mangiare dal cibo” (Giunti – Slow Food Editore, 2009), Carlo Petrini produce il suo ultimo libro dal titolo ambizioso: “Cibo e libertà. Slow Food: storie di gastronomia per la liberazione”, 192 pagine, 12,00 Euro. In libreria dal 30 ottobre 2013

La “gastronomia per la liberazione” che Petrini ha voluto già in copertina deve essere in prima linea nel movimento per il diritto al cibo, il diritto all’acqua e alla salvaguardia della biodiversità. “La nostra meta comune è la liberazione dai gioghi, l’uscita dalle gabbie più scandalose: le disuguaglianze, le oppressioni, gli scempi che si perpetrano sull’ambiente e sulle persone”- afferma il fondatore e Presidente Internazionale di Slow Food.


Difendere la biodiversità, rafforzare la rete di Slow Food e Terra Madre, rendere le comunità africane protagoniste attive delle politiche del continente, combattere la fame nel mondo. La più vasta associazione mondiale impegnata nella scienza gastronomica esemplifica così i suoi prossimi obiettivi.

Un programma troppo ambizioso, una nuova utopia?

Parlando di “gastronomia per la liberazione”, Carlo Petrini non vola affatto troppo alto, al contrario tiene i piedi più che mai per terra: con i successi già raggiunti in molti luoghi del mondo, spesso fra i più colpiti dalla speculazione agroindustriale e dall’impoverimento, Slow Food e la rete di Terra Madre stanno influenzando anche le grandi agenzie della “governante” mondiale.

Un impegno che Petrini ripercorre attraverso le molte storie che valorizzano il lavoro dei piccoli contadini, le produzioni tradizionali, l’educazione alla qualità del cibo sotto la bandiera del “buono, pulito e giusto” e che sfocia nel programma della “gastronomia liberata”, lungo la strada necessaria per riconciliare gli esseri umani alla Terra e affrancarli dalla piaga della fame e dalla vergogna della malnutrizione.petrinicarloaln

Carlo Petrini (in foto), nato a Bra (Cn) nel 1949, ha al suo attivo studi di sociologia e un costante impegno nella politica e nell’associazionismo. Negli anni Ottanta fonda “Arcigola”, divenuta nel 1989 “Slow Food”, di cui è tuttora Presidente Internazionale. Tra le tante altre attività di Slow Food, ha ideato il “Salone Internazionale del Gusto di Torino”, la rete di “Terra Madre” e l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.

Nel 2004 la rivista “Time Magazine” gli attribuisce il titolo di Eroe Europeo del nostro tempo nella categoria “Innovator”. Nel gennaio 2008 compare, unico italiano, tra le “50 persone che potrebbero salvare il mondo”, elenco redatto dal quotidiano inglese “The Guardian”, mentre nel settembre 2013 gli viene conferito dal Programma Ambiente delle Nazioni Unite (Unep) il Premio “Campione della Terra”, “[…]per aver reso più efficienti e più sostenibili l’alimentazione e l’offerta di cibo in numerosi paesi del mondo”.

Editorialista de La Repubblica e collaboratore del gruppo editoriale L’Espresso, ha pubblicato l’”Atlante delle grandi vigne di Langa” (Arcigola Slow Food 1990), “Le ragioni del gusto” (Laterza 2001), “Buono, pulito e giusto. Principî di nuova gastronomia” (Einaudi 2005) e “Terra Madre. Come non farci mangiare dal cibo” (Giunti/Slow Food Editore 2009).

Marcello Di Meglio

1 COMMENTO

  1. Ma belin qualcuno già ci ha pensato prima libro da tempo già uscito della Mondani Editori: La cucina del Ventennio con frase in prima pagina ( che vale per certi politici italiani..) se tu mangi troppo derubi la patria!
    Morando

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here