Uomini e cavalli: proiezione del film “ Saga ” di Paolo Boriani

0
CONDIVIDI
Villa Jorn ad Albissola proiezione film Saga di Paolo Boriani
Villa Jorn ad Albissola proiezione film Saga di Paolo Boriani
Villa Jorn ad Albissola proiezione film Saga di Paolo Boriani

SAVONA. 8 AGO. E’ una storia che ripercorre i passi della civiltà umana, dove questa si è legata indissolubilmente con il più particolare degli animali a due zampe: il cavallo.

Un viaggio attraverso i secoli, alla ricerca di un rapporto arcaico che ha segnato le esistenze sia dell’uomo che dell’animale. Tutto questo, in estrema sintesi, è il racconto che inscena la “Corte Transumante di Nasseta”, una libera compagnia di uomini, cavalli e montagne ovvero un gruppo di artisti che, insieme a venti splendidi animali danno vita ad uno spettacolo equestre unico nel suo genere.

All’origine di questo progetto troviamo Giovanni Lindo Ferretti, già cantante dei CCCP Fedeli alla Linea, storico gruppo degli anni Ottanta che ha mutato la propria formazione nei CSI Consorzio Suonatori Indipendenti e che all’inizio degli anni Duemila ha intrapreso una carriera solista e si è dedicato alla scrittura ed a nuovi progetti.

 

Da sempre appassionato di cavalli, nella sua dimora di Cerreto Alpi dove è tornato a vivere, Ferretti è circondato da questi animali con i quali ha davvero un rapporto speciali. Da tutto questo, dalla sua musica e dalle sua parole, dalla presenza di altri artisti avvezzi al rapporto con i quadrupedi è nato “Saga – Canto dei Canti”, opera equestre che narra l’evoluzione del rapporto uomo animale nel corso del tempo.

Da questo spettacolo, il regista Paolo Boriani ha tratto un film, che è stato proiettato mercoledì 3 agosto nella stupenda cornice di Villa Jorn ad Albissola, sotto un cielo stellato e con la brezza leggera del mare, in occasione della rassegna “Art Extreme”, una serie di eventi con ospiti di rilievo internazionale.

Prima della proiezione, Ferretti ha raccontato il percorso che lo ha portato sulle rive del mar Ligure. “Mia madre, prima di ammalarsi, trascorreva le vacanze estive proprio qui ed io venivo a trovarla ogni tanto”, spiega l’artista, “da qui si è creato un legame con la cittadina di ponente”.

Ferretti ha poi illustrato la vicinanza ideale tra Casa Jorn e lo spettacolo equestre: in entrambi i contesti il senso di arcaico è molto presente, nella villa l’idea dell’artista scandinavo era preservare il senso originale del piccolo borgo, senza stravolgerne l’essenza, così come per il rapporto uomo – cavallo che, sebbene mutato nel tempo mantiene lo stesso significato originale di secoli andati.

“Oggi l’uso del cavallo è completamente superato”, continua Ferretti, “negli anni Cinquanta era ancora possibile vedere uomini in sella o a bordo di un calesse, oggi a distanza di anni il cavallo è del tutto inutile alla vita dell’uomo se non per pura passione o motivi sportivi”.

La civiltà del cavallo è in via di estinzione, ma lo spettacolo “barbaro e montano” vuole far si che la memoria di uomo e animale non scompaia del tutto. Un teatro che è stato definito primordiale, fatto di parola, che trova nella musica e nel gesto artistico della compagnia la sua naturale celebrazione. Il film di Paolo Boriani racconta tutto questo: “Ho cercato di creare un’immagine”, spiega il regista, “un punto di vista differente ed esterno di ciò che accade prima dello spettacolo. Ho girato senza il pubblico, in modo da creare un’opera senza tempo, basandomi soprattutto su quanto –non si vede- giocando sul desiderio generato da quanto arriva e scompare dalla scena”.

Ferretti, il signore della parola come si definisce nella compagnia, anche questa volta, riesce a stupire ed emozionare grazie alla sua capacità comunicativa che, attraverso non solo parole e musica riesce sempre a toccare realmente il cuore della platea.

Il film e lo spettacolo equestre saranno riproposti in varie zone d’Italia per il periodo estivo, tutte le informazioni si trovano su  www.fondazioneferretti.it [email protected]

Il museo “Casa Jorn” di Albissola fa parte del sistema museo diffuso della cittadina savonese ed opera ricerca e promozione in campo artistico. I recapiti sono www.amicidicasajorn.it [email protected]

Roberto Polleri

LASCIA UN COMMENTO