UNICREDIT. IL CONSIGLIO DI TERRITORIO NORD OVEST PRESIEDUTO DA VINCENZO ILOTTE

0
CONDIVIDI
unicredit Illotte

unicredit IllotteTORINO. 29 LUG. Si è ufficialmente insediato sotto la presidenza di Vincenzo Ilotte, il nuovo Consiglio di Territorio Nord Ovest di UniCredit.

Ilotte, torinese, 49 anni, laureato in Ingegneria Meccanica, è Direttore Generale della 2a S.p.A., azienda di famiglia operante nel campo della produzione di chiusure lampo e di getti pressofusi in leghe di alluminio e zama. È Presidente della Camera di Commercio di Torino; Vice Presidente di Unioncamere Nazionale, Unioncamere Regionale, Unione Industriale ed ICC Italia.

I Consigli di Territorio o Advisory Board Territoriali sono complessivamente 7 in tutta Italia, uno per ciascuna Region in cui è divisa la rete commerciale UniCredit nel Paese. Rappresentano di fatto un contesto di confronto sulle dinamiche territoriali ma anche un laboratorio nel quale sperimentare progettualità congiuntamente tra la Banca e i rappresentanti del territorio, caratterizzata da un forte cambiamento della realtà economico-sociale.

 

I Consigli, composti da stakeholder delle singole aree, intendono inserirsi proprio in tale contesto, in linea con la logica del Progetto “Open – la Banca è del Cliente”, facendo leva su un modello operativo più efficiente e flessibile. Una Banca aperta “Open”, quindi, perfettamente integrata nel tessuto locale e nei processi produttivi che garantisca ad ogni Cliente e, ad ogni Territorio, la piena centralità e la soddisfazione di ogni esigenza reale e concreta.

Il Consiglio di Territorio Nord Ovest di UniCredit è formato da 15 componenti. Oltre al Presidente Vincenzo Ilotte, vi sono i consiglieri Franco Aprile (Amministratore Delegato Liguria International, Genova); Pia Bosca (Ceo Bosca S.p.A. Canelli, Asti);  Pier Paolo Carini (Amministratore Delegato Egea S.p.A. Alba, Cuneo); Gabriele Accornero (Consigliere Delegato Associazione Forte di Bard, Aosta); Beppe Costa (Presidente Costa Edutainment S.p.A., Genova); Chiara Ercole(Amministratore Delegato F.lli Saclà S.p.A.); Piercarlo Grimaldi (Rettore Università degli Studi di Scienze Gastronomiche Pollenzo Bra, Cuneo); Massimo Martinelli (Notaio, Studio Notarile Martinelli, Cuneo); Licia Mattioli (Presidente Unione Industriale di Torino);  Giancarlo Rocchietti (Presidente Club degli Investitori, Torino); Paolo Rovellotti (Titolare Azienda Agricola Rovellotti, Ghemme, Novara); Daniele Vaccarino (Presidente Nazionale CNA, Torino); Luisa Vuillermoz(Direttore Fondation Grand-Paradis Cogne, Aosta); Giovanni Zingarini (Dottore Commercialista, Studio Zingarini, Alessandria). Alle riunioni dell’ADB Territoriale partecipano il Regional Manager  Nord Ovest UniCredit, Dario Prunotto, e il Deputy Nord Ovest UniCredit, Attilio Ghiglione, offrendo il loro contributo e supporto al Presidente con l’obiettivo di ottenere la piena efficacia dell’incontro.

«Sono diversi, importanti e innovativi –  ha sottolineato il presidente Vincenzo Ilotte – i compiti che vengono assegnati ai Consigli di Territorio. Si porrà particolare attenzione ai temi del credito, del welfare aziendale, dello sviluppo delle filiere, del turismo e della internazionalizzazione. Temi che vedono la Banca in prima linea accanto alle imprese nel loro processo di sviluppo. Il Consiglio di Territorio ha il ruolo fondamentale di condurre una lettura attenta delle dinamiche di trasformazione del territorio per individuarne criticità ed opportunità di crescita, ma anche quello di contribuire concretamente all’avvio di iniziative finalizzate al suo concreto sviluppo».

Come ha sottolineato il Country Chairman Italy Gabriele Piccini, «i Consigli di Territorio completano l’assetto della nuova UniCredit in Italia e hanno come principale obiettivo strategico quello di rafforzare ulteriormente il rapporto con le comunità locali e, contemporaneamente, non perdere le professionalità delle specializzazioni per rendere sempre più profonde le sinergie tra i business in termini di efficacia commerciale ed efficienza. Costituiscono, inoltre, uno strumento consultivo per individuare i fattori di successo e i nodi critici di una specifica area locale e le sue opportunità di crescita e di sviluppo».

LASCIA UN COMMENTO