Un Festival Musicale del Mediterraneo lungo dieci giorni

0
CONDIVIDI
Un Festival Musicale del Mediterraneo lungo dieci giorni
Un Festival Musicale del Mediterraneo lungo dieci giorni
Un Festival Musicale del Mediterraneo lungo dieci giorni

GENOVA. 26 AGO. Dall’1 all’11 settembre 2016 torna a Genova il Festival Musicale del Mediterraneo, rassegna internazionale dedicata alla scoperta e alla valorizzazione delle musiche rare, giunta quest’anno alla 25° edizione con un programma dedicato alle “Famiglie Sonore”.

Il legame tra famiglia e musica sarà il fil rouge di una programmazione che prevede esibizioni di artisti nazionali e internazionali nei luoghi più suggestivi della città.

Il Festival Musicale del Mediterraneo è un 10 giorni, 6 location, 14 concerti, più di 40 artisti provenienti da 10 paesi diversi.

 

Dai percussionisti del Burkina Faso ai danzatori siriani, dai cantanti polifonici bulgari e sardi ai tarantolati salentini, passando per musiciste irlandesi, suonatori di zarb iraniani e chitarristi flamenco spagnoli. Un programma vario e originale, per raccontare le diverse declinazioni in cui la musica è vissuta e tramandata nelle famiglie di tutto il mondo.

La pratica musicale, tramandata dai genitori ai figli o incoraggiata a vicenda tra i fratelli, richiede creatività e disciplina e spesso si tramuta in attività professionale. Celebrando le “famiglie sonore”, attraverso le esibizioni di ensemble familiari di più generazioni, la 25° edizione del Festival Musicale del Mediterraneo lancia un messaggio di unità e armonia, per favorire una presenza sempre maggiore della musica in tutti gli ambiti della nostra società.

“Nell’anno in cui il Festival festeggia i suoi 25 anni, abbiamo ritenuto naturale concentrarci su un tema intimamente legato alla crescita, alla trasmissione di valori e conoscenza in maniera armonica, come solo la musica sa fare. – racconta Davide Ferrari, direttore artistico e organizzativo – Abbiamo deciso di puntare su artisti di grande qualità, con un’importante prima nazionale dalla Siria e tanti ensemble familiari da tutto il mondo, senza scordare le eccellenze musicali del nostro territorio, con l’obiettivo di raccontare quanto può essere più armoniosa la vita quando la musica è attivamente presente nelle famiglie”.

Il Festival si aprirà giovedì 1 settembre a Palazzo Tursi con lo spettacolo di percussioni e danze acrobatiche del Burkina Faso a cura della Madou Zon Family. Tra gli appuntamenti di maggior rilievo: l’esibizione di Roger Eno, fratello di Brian Eno e affermato compositore di musica ambient, sabato 3 settembre a Palazzo Ducale; la festa pomeridiana per famiglie, domenica 4 settembre a Forte Begato, che culminerà con il concerto delle tre sorelle irlandesi The Henry Girls, a metà tra tradizione folk e melodie pop; il Trio Chemirani dall’Iran, mercoledì 7 settembre a Palazzo Bianco, straordinario ensemble familiare che comprende tre generazioni di polistrumentisti; le melodie, gli strumenti e i costumi tradizionali bulgari della Bisserov Family, giovedì 8 settembre nel Chiostro di Sant’Agostino; il tributo a Paco de Lucia da parte di Juan Carmona Family Group, uno dei maggiori chitarristi flamenco contemporanei, venerdì 9 settembre a Palazzo Ducale; la prima nazionale dei dervisci rotanti Ahmad Alkhatib & Broucar, padre e figlio dalla Siria, accompagnati da un ensemble di musicisti di Damasco, sabato 10 settembre a Palazzo Ducale, e il coro polifonico sardo dei Tenores di Santa Sarbana di Silanus, domenica 11 settembre a Palazzo Tursi.

Per il programma completo e tutte le informazioni www.echoart.org

I biglietti possono essere acquistati direttamente presso la sede dei concerti. Il costo dei singoli spettacoli è di 10 euro ciascuno (8 euro i ridotti), l’abbonamento per l’intero Festival è in vendita a 50 euro.

Biglietti e abbonamenti sono prenotabili scrivendo a [email protected]

Completano il programma alcune iniziative collaterali, con concerti gratuiti e attività extra-musicali.

Da giovedì 1 a sabato 3 settembre, dalle 18.00 in poi, la famiglia Giannuzzi porterà la pizzica e la taranta salentina in giro per le vie del centro storico. Sabato 3 settembre il maestro di canto armonico Tran Quang Hai, considerato il maggiore esperto al mondo di questa tecnica di canto, terrà un laboratorio a Castello d’Albertis. Per tutta la durata della rassegna, sarà visitabile a Castello d’Albertis la mostra dedicata ai 25 anni del Festival e un’esposizione di strumenti per la musicoterapia extraeuropea. Infine, un convegno sulla musica come terapia contro la dispersione scolastica si terrà il 10 settembre a Palazzo Ducale.

I concerti, come da tradizione, si svolgeranno in palazzi e piazze storiche, luoghi tra i più suggestivi e affascinanti di Genova: i palazzi seicenteschi di Via Garibaldi, Palazzo Bianco e Palazzo Tursi, patrimonio dell’umanità UNESCO, i saloni affrescati di Palazzo Ducale, cuore culturale della città, il meraviglioso chiostro delle chiesa di Sant’Agostino, la residenza storica di Castello d’Albertis e il Forte Begato, sulle Mura di Genova, dove avrà luogo un evento speciale dedicato a famiglie e bambini.

Ideato e prodotto dall’Associazione Echo Art e curato da Davide Ferrari, direttore artistico, il Festival Musicale del Mediterraneo vanta il patrocinio dell’UNESCO, come maggior sostenitore la Compagnia di San Paolo attraverso il Bando Performing Arts, Regione Liguria, Comune di Genova, Coop Liguria, Fondazione Palazzo Ducale, Camera di Commercio di Genova e Tasco. In collaborazione con Il Celso – Istituto di Studi Orientali e Castello d’Albertis. Media Partner Lineatrad.

L’Associazione Echo Art, fondata nel 1984 dalla pianista e compositrice Chiara Cipolli e dai polistrumentisti Michele e Davide Ferrari, prosegue nella sua attività di promozione della musicoterapia e delle musiche del mondo a Genova. Echo Art ha sempre operato nel campo delle musiche tradizionali e di ricerca, realizzando molteplici progetti, dai festival a pubblicazioni discografiche, progetti sociali, spettacoli teatrali e di danza, a partire dai confini del Mediterraneo per coinvolgere musiche e culture vicine e lontane nel mondo.

Per ulteriori informazioni e calendario Festival: www.echoart.org

LASCIA UN COMMENTO