Ultimi giorni per visitare Other Identity 

0
CONDIVIDI
Other identity
Other identity
Other identity

GENOVA. 25 FEB. Other Identity, evento internazionale con il patrocinio della Regione Liguria in collaborazione con  Comune di Genova-Settore Musei e Biblioteche, Goethe-Institut Genua, Galleria Guidi&Schoen, ha luogo in tre siti diversi della città, la Loggia della Mercanzia, Villa Croce e il Museo del Risorgimento.

Il suo intento è quello di decifrare un fenomeno che ha cambiato radicalmente il modo di “vivere” e “interpretare” la nostra immagine, costantemente esibita e pubblicizzata: il nostro modo di autoritrarci e di presentarci al mondo, la spettacolarizzazione di un privato che si trasforma in pubblico attraverso i social media, creando nuove forme di identità in continua trasformazione.

“Other Identity” è  la prima tappa di un progetto espositivo con cadenza annuale, che funga da cartina al tornasole capace di misurare di volta in volta lo stato di una nuova grammatica narrativa, di nuove forme di interpretazione della nostra immagine.

 

A confrontarsi sul tema dell’identità e dell’autorappresentazione saranno artisti italiani e tedeschi uniti da una comune piattaforma emotiva e tematica, dalla quale poi sfociano ricerche personali ben distinte, e dal comune linguaggio fotografico. La fotografia è qui il medium privilegiato in ogni sua forma, sia essa analogica o digitale, utilizzato attraverso reflex professionali o smartphone.

“Other Identity”, si compone, oltre alla mostra, anche di: un contest fotografico, “The Wall of Identities” , in collaborazione con Kodak alaris, con una grande installazione composta dalle immagini di chiunque voglia aderire al contest ispirate al tema dell’autorappresentazione, che occuperanno uno dei pannelli espositivi della Loggia della Mercanzia per una superficie di circa 7 metri lineari.
Un “Kodak Kiosk” presente per la prima volta in esclusiva in una manifestazione artistica, costituito da una postazione mobile di stampa digitale fotografica ad alta risoluzione, che permetterà a chiunque di stampare immediatamente il proprio contributo al concorso, o di stampare le proprie immagini da qualunque supporto e apparecchio mobile, rendendo così reali le proprie “autorappresentazioni”, i propri selfie.

Cinque performance che si alterneranno durante il periodo di apertura della mostra e occuperanno l’“Identity Live Space”, uno spazio all’interno delle sale, che ospiterà azioni dal vivo appositamente strutturate per l’evento, offrendo al pubblico l’opportunità di un contatto diretto e un’interazione con artisti.
Questi i prossimi appuntamenti:

– sabato 27 febbraio ore 14 – Olivia Giovannini / Modus

– venerdì 4 marzo ore 16 – Elena Marini

– sabato 5 marzo ore 17 – Isabella Falbo (critica performativa)

FRANCESCA CAMPONERO
Orari: 9 – 17.45 (esclusi domenica e festivi).
Ingresso libero

LASCIA UN COMMENTO