UE 2017: più fondi per occupazione onorare gli impegni presi

0
CONDIVIDI
Sede del parlamento Europeo in Strasburgo

STRASBURGO. 26 OTT. I Parlamentari EU hanno chiesto più fondi, per aiutare i giovani alla ricerca di un impiego. Sono stati annullati tutti i tagli proposti dal Consiglio nel progetto di bilancio dell’Unione europea per il 2017 e richiesto più fondi per stimolare la crescita economica e per aiutare i Paesi terzi a superare la crisi migratoria. Gli stanziamenti globali per il 2017 sono 160,7 miliardi di euro (+4,1 miliardi di euro rispetto al progetto di bilancio) per gli impegni e 136,7 miliardi di euro (+2,5 miliardi di euro) per i pagamenti.

« L’UE si trova ad affrontare un numero senza precedenti di sfide diverse. Se vogliamo davvero affrontarle seriamente, abbiamo bisogno di un bilancio dell’UE ben finanziato.» Ha dichiarato Jens Geier, relatore principale della Commissione (S&D, DE). «Quando abbiamo negoziato, nel 2013, il quadro finanziario pluriennale per il periodo 2014-2020, c’erano molti meno rifugiati in arrivo ogni anno in Europa. Ora il numero è ben sopra il milione. Dobbiamo riconoscere che le circostanze sono cambiate. Abbiamo bisogno di una revisione completa del quadro finanziario pluriennale e di un bilancio più ambizioso dell’UE. Il QFP è superato.» La disoccupazione giovanile, purtroppo, è ancora troppo elevata in Europa.

«Questo è ciò su cui noi insisteremo nei prossimi negoziati con il Consiglio relativi al bilancio per il 2017. – Chiediamo ha aggiunto Indrek Tarand, relatore per le altre sezioni (Verdi/ALE, EE) – un supplemento di 1,5 miliardi di euro da mettere a disposizione per il finanziamento dell’iniziativa per l’occupazione giovanile (YEI), che dovrebbe essere reso possibile attraverso la revisione del QFP.» La risoluzione sulla posizione del Parlamento sul bilancio UE per il 2017 è stata approvata con 446 voti in favore, 184 voti contrari e 60 astensioni.

 

Sono stati stanziamenti 1,5 miliardi di euro d’impegno a favore dell’occupazione giovanile e per aiutare i giovani nella ricerca di un lavoro. Nel settore agricolo sono stati stanziati 600 milioni di euro, rispetto al progetto di bilancio, questo per affrontare gli effetti della crisi del settore lattiero-caseario e gli effetti dell’embargo russo sullo stesso settore. Il Parlamento EU ha aumentato la spesa per la cultura e la comunicazione, aumentando i finanziamenti per esempio per il sotto-programma MEDIA di 10.882.000 euro e le azioni multimediali di 13 milioni di euro. ABov.

LASCIA UN COMMENTO