Tutelare Ilva, Ansaldo e insediare nuove aziende

0
CONDIVIDI
renzi-ansaldo3
renzi-ansaldo3
La visita del premier Renzi all’Ansaldo di Genova nel maggio 2014, il Pd: tutelare aziende territorio

GENOVA. 14 GEN. Riceviamo dal Pd e pubblichiamo un comunicato su Ilva e Ansaldo:

“A Genova e in Liguria il Pd lavora per non perdere alcuna azienda e, se possibile, insediarne di nuove. Siamo per la tutela dell’industria storica e per l’ingresso di nuove realtà. Il Partito Democratico lavora per unire e mai per dividere e lo fa soprattutto, quando si tratta di lavoro.

Proprio per questo siamo molto soddisfatti per l’accordo tra Ilva e Ansaldo Energia sulle aree di Cornigliano. E’ ormai certo, infatti, che i tre commissari straordinari dell’azienda siderurgica abbiano avviato l’operazione che consentirà di mettere a disposizione di Ansaldo le aree oggi destinate a parcheggi. In questo modo la storica azienda genovese potrà realizzare le infrastrutture necessarie alle attività di montaggio di turbine di nuova generazione, da spedire via mare utilizzando proprio quella banchina.

 

Quest’operazione, preziosa e importante sia in termini di mantenimento di livelli occupazionali sia in termini di creazione di nuove opportunità produttive per la nostra regione, è stata condotta con successo dal Governo Renzi, che ha dimostrato di avere un’attenzione particolare per la situazione produttiva complessa della città di Genova. L’intesa non influisce sulla vertenza Ilva, non riduce le potenzialità dei suoi impianti e non fa venire meno la sua vocazione siderurgica; anzi quest’intervento consente un potenziamento del polo industriale ligure e il mantenimento dei livelli occupazionali.

Dopo tanti anni di dichiarazioni e dopo l’ingresso di Shanghai Electric nel Fondo Strategico questo è un primo passo per il consolidamento a Genova di Ansaldo stessa, punto fondamentale e strategico per l’industria genovese e ligure, anche a fronte della grande ricaduta sull’indotto regionale. Per raggiungere quest’obiettivo i tre commissari straordinari di Ilva hanno scritto, in questi giorni, a Società per Cornigliano S.p.a. chiedendole di rinunciare a esercitare il diritto di prelazione sulle aree in questione, agevolando così il futuro trasferimento del diritto di superficie ad Ansaldo Energia.

Auspichiamo che Società per Cornigliano, attraverso il suo consiglio di amministrazione, esprima un parere positivo che consenta all’operazione di essere avviata e conclusa positivamente, garantendone la piena fattibilità”.

LASCIA UN COMMENTO