Tursi: Iplom deve riparare danno, via a lavori per messa in sicurezza

0
CONDIVIDI
Iplom di Busalla. Asso-consum invia esposto in procura
L'impianto di raffineria della Iplom a Busalla
L’impianto di raffineria della Iplom a Busalla

GENOVA. 18 APR. È terminata poco fa la riunione del Centro Operativo Comunale, convocata dal sindaco Marco Doria e dall’assessore alla protezione civile Gianni Crivello, per affrontare l’emergenza causata dallo sversamento di greggio nel Polcevera a seguito dell’incidente a una conduttura della Iplom.

Alla riunione hanno preso parte la presidente del municipio Valpolcevera e i rappresentanti di Vigili del Fuoco, Arpal, Asl, Capitaneria di Porto, tecnici della Regione e della società Iplom per avere il massimo delle informazioni possibili sulla situazione, ciascuno per la propria competenza.

“Nel corso dell’incontro – hanno spiegato dal Comune – Arpal e Asl hanno comunicato che, dalla mezzanotte di domenica a oggi, i livelli di idrogeno solforato non hanno mai fatto registrare sforamenti dei limiti previsti dalla legge a tutela della salute pubblica. Al momento non esistono quindi – secondo quanto riferito dagli enti preposti ai controlli – elementi di pericolo sanitario.

 

L’amministrazione comunale ha chiesto ad Arpal e Asl di procedere al monitoraggio costante comunicando quotidianamente i valori registrati per tenere sotto controllo l’evoluzione della situazione. La Iplom, cui spetta il compito di riparare il danno ambientale, riferirà le risultanze delle operazioni condotte con report puntuali e verificabili. L’azienda ha comunicato che da domani cominceranno i lavori di messa in sicurezza della zona nella quale si è verificato il danno alla conduttura.

In considerazione della criticità della situazione il Comune si riserva di chiedere alla Regione Liguria lo stato di emergenza. L’amministrazione sta valutando tutti gli aspetti connessi alle responsabilità di quanto accaduto. Cioè se vi siano stati comportamenti evitabili che hanno arrecato danni all’ambiente. Questo per tutelare nella maniera migliore possibile gli interessi della collettività”.

 

LASCIA UN COMMENTO