Tursi deve riaprire ascensori e funicolari genovesi

0
CONDIVIDI

GENOVA. 21 GEN. «Genova è la città più verticale d’Italia e già da fine Ottocento è stata dotata di un efficace sistema di impianti verticali come ascensori e funicolari. Oggi, nel XXI secolo, ci troviamo invece a fare i conti con un’offerta di mobilità poco efficiente e con alcuni ascensori, realizzati proprio per collegare i quartieri “a monte”, i più difficili da raggiungere dalla popolazione residente, fermi per lunghi periodi a causa di lavori di manutenzione. Il caso più eclatante dello scarso impegno della giunta Doria e di Amt, società che gestisce anche gli impianti “speciali”, è la chiusura che dura da oltre 15 mesi dell’ascensore di collegamento da piazza Raggi in Borgo Incrociati e via Imperia, fermo ormai dall’alluvione dell’ottobre 2014».

Matteo Rosso, capogruppo di Fratelli d’Italia in Regione Liguria, e Stefano Balleari, vicepresidente del consiglio comunale di Genova, oggi hanno denunciato lo scandalo e chiesto l’urgente ripristino degli impianti già esistenti: «Oltre a ricordare il disagio sofferto dai cittadini, pensiamo che sarebbe opportuno puntare su impianti verticali che sono a bassissimo impatto ambientale, a emissioni zero, molto adatti alla conformazione del nostro territorio e decisamente utili alle tantissime famiglie residenti».

LASCIA UN COMMENTO