Tunisino rapisce il figlio appena nato all’ospedale, arrestato

0
CONDIVIDI
L' Ospedale San Carlo a Voltri dal quale è stato rapino il neonato
L' Ospedale San Carlo a Voltri dal quale è stato rapino il neonato
L’ Ospedale San Carlo a Voltri dal quale è stato rapino il neonato

GENOVA. 26 MAR. Arresto, ieri sera, da parte della polizia di un tunisino di 27 anni, con numerosi precedenti di polizia, per sequestro di persona, resistenza a publbico ufficiale e lesioni personali aggravate.

L’uomo, padre di un bimbo nato da appena tre giorni, ma già affidato ai servizi sociali, nel pomeriggio si è recato presso la nursery dell’ospedale di Genova Voltri dove la compagna aveva partorito, pretendendo di prelevare il figlio.

Medici ed infermieri si sono opposti suscitando l’ira del tunisino che, prima di riuscire a fuggire con il neonato, ha preso a calci e pugni la porta del reparto e aggredito un’infermiera che aveva tentato di bloccarlo, procurandole lesioni.

 

Gli agenti chiamati dall’ospedale sono giunti sul posto trovando per strada, in via Camozzini, la puerpera, una cilena di 34 anni che, in evidente stato d’agitazione, si era messa all’inseguimento del compagno.

Gli agenti, hanno fatto salire la donna sull’auto di servizio e hanno iniziato le ricerche in zona. Pochi minuti dopo, ricevono via radio una segnalazione di una ragazza che ha contattato il 113 dicendo di aver notato un uomo con in braccio un neonato nudo, avvolto in un lenzuolo che si stava dirigendo verso il binario 1 tronco della vecchia stazione di Voltri.

Nelle vicinanze della stazione gli agenti vengono, poi, fermati da una donna, dichiaratasi zia del tunisino, che conferma la presenza del nipote all’interno della stazione e si è offre di accompagnarli.

Il tunisino viene così rintracciato e bloccato nella stazione e, dapprima consegnato il neonato alla zia, poi, però, dà in escandescenze opponendo eresistenza all’arresto.

Madre e neonato, infine, vengono riportati all’ospedale di Voltri, dove i medici visitano il piccolo che è tutt’ora ricoverato in buone condizioni di salute.

LASCIA UN COMMENTO