Tumori, scoperto interruttore che spegne le cellule killer

16
CONDIVIDI
Tumori, scoperto interruttore che spegne le cellule killer
Tumori, scoperto interruttore che spegne le cellule killer
Tumori, scoperto interruttore che spegne le cellule killer

GENOVA. 22 AGO. Una nuova importante scoperta per la lotta al cancro è stata effettuata grazie alla collaborzione tra l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma ed il dipartimento di medicina sperimentale dell’Università di Genova.

Le cellule tumorali “ingannano” il sistema immunitario impedendogli di attaccare e quindi distruggere le cellule malate.

Il funzionamento di questo meccanismo, con l’individuazione dell’interruttore che spegne le nostre difese, è stato scoperto grazie ad uno studio dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, condotto insieme al dipartimento di medicina sperimentale dell’Università di Genova e pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Allergy and ClinicalImmunology.

 

Si tratta di una reazione che si scatena quando le cellule natural killer, che svolgono un ruolo importante nel riconoscimento e nella distruzione di cellule tumorali o infettate da virus, entrano in contatto con quelle tumorali, provocando la disattivazione di questo fondamentale meccanismo di difesa.

La comprensione di questo meccanismo d’azione, permetterà, spiegano i ricercatori, “progressi decisivi nella lotta contro alcuni tumori”.

lotta contro alcuni tumori”.

16 COMMENTI

  1. Finché la ricerca, la scienza medica, sono sotto il controllo delle lobby farmaceutiche nessun passo avanti verrà fatto. I malati di tumori fanno entrare nelle casse delle lobby milioni e milioni di dollari o euro. Un vero business per costoro. Utilizzano da sempre la chemio, la chirurgia o la radioterapia. Tecniche ortodosse altamente invasive e tossiche. La chemio uccide sia le cellule malate che quelle sane nonché indebolisce le difese immunitarie. In compenso fa regredire apparentemente il tumore per poi renderlo più forte ed aggressivo. La chemio uccide. La cura Di Bella, che accertò con documenti alla mano e testimonianze la sconfitta del tumore su centinaia di pazienti è stata bandita dalle stesse lobby e medici compiacenti che sulle lobby ci guadagnano. Ne hanno falsificato la sua sperimentazione. Tutto perché era a costi bassissimi e non faceva guadagnare le lobby. Siamo fermi sulla ricerca.

LASCIA UN COMMENTO