Truffe anziani, sinti prendono di mira mamma di un poliziotto: arrestati

5
CONDIVIDI
Un campo nomadi controllato dalla polizia: l'altro giorno una di loro ha protestato per essere stata arrestata
Un campo nomadi controllato dalla polizia: ieri un agente e sua mamma hanno preso due sinti che hanno tentato una truffa
Un campo nomadi controllato dalla polizia: ieri un agente e sua mamma hanno preso due sinti che hanno tentato una truffa

GENOVA. 7 MAG. Credevano fosse sola in casa e i nomadi sinti l’avevano presa di mira, come purtroppo accade per tanti anziani in città. Solo che stavolta i malviventi non avevano fatto i conti con la donna battagliera e soprattutto con il figlio, il quale stava dormendo nella sua stanzetta dopo il turno di notte su una delle volanti della polizia.

Quando i sinti hanno tentato di raggirarla, la mamma ha svegliato il figlio, che prima li ha arrestati insieme alla stessa mamma ed ai colleghi.

L’episodio è avvenuto ieri in salita Inferiore di Santa Tecla. La coppia di sinti, un uomo di 44 anni e una donna di 67 anni, che si era spacciata come addetta del Comune, sono finiti nei guai. Dopo che sono stati acchiappati, nella loro auto gli agenti hanno trovato tutto il necessario per il travestimento da falsi impiegati comunali.

 

I sinti sono poi risultati già conosciuti alla polizia perché avevano messo a segno altri raggiri in tutto il nord Italia. Lasciati liberi di continuare a delinquere, ma stavolta speriamo che non la facciano franca.