Home Hi-Tech Hi-Tech Mondo

TROVATO NELLO SPAZIO CORPO ROCCIOSO RICCO D’ACQUA A 170 ANNI LUCE DALLA TERRA

0
CONDIVIDI

asteroideCAMBRIDGE. 11 OTT. Per la prima volta è stato scoperto un corpo roccioso ricco d’acqua al di fuori del Sistema Solare.

Sarebbe ciò che resta di un grande asteroide o forse di un piccolo pianeta roccioso distrutto dal collasso della sua stella madre, che somigliava al Sole e che probabilmente ospitava pianeti simili al nostro.

La scoperta è pubblicata sulla rivista Science, ad opera dello scienziato da Jay Farihi e del suo gruppo di ricerca dell’università britannica di Cambridge.


Il sistema solare al quale apparteneva l’oggetto, distante circa 170 anni luce, ora offre uno sguardo su quello che potrebbe essere il futuro della Terra e degli altri pianeti interni del nostro Sistema Solare quando il Sole cesserà di esistere.

jay-farihiSi tratta di un’occasione unica per studiare formazione ed evoluzione dei pianeti abitabili e cercare di comprendere come si è formata la vita sulla Terra.
E’ la prima volta infatti che l’acqua viene scoperta fuori del sistema solare in un corpo roccioso simile alla terra. Finora la presenza di acqua era stata rivelata solo nell’atmosfera di giganti gassosi.

La scoperta è stata realizzata anche grazie al telescopio Hubble, gestito da Nasa e Agenzia Spaziale Europea (Esa), i ricercatori hanno analizzato i detriti che circondano la stella GD61, una nana bianca giunta al termine del suo ciclo vitale.
Misurato la quantità di ossigeno, magnesio, alluminio, silicio, calcio e ferro, i ricercatori hanno scoperto un eccesso di ossigeno. La quantità è tale che, secondo gli esperti, non può essere intrappolato nei minerali ma si deve all’acqua contenuta nei frammenti di ciò che una volta era un asteroide del diametro di circa 90 chilometri composto dal 26-28% di acqua.

La quantità di acqua è paragonabile a quella contenuta in alcuni asteroidi della fascia principale del nostro Sistema Solare e si ritiene che la Terra si sia arricchita d’acqua per il bombardamento di oggetti come questi.

l’articolo di Science: http://news.sciencemag.org/chemistry/2013/10/stellar-graveyard-shows-signs-possible-past-life

Sito dello scienziato Jay Farihi: http://www.ast.cam.ac.uk/~jfarihi/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here