Home Cronaca Cronaca La Spezia

Tiene l’alloggio nel degrado: spezzino inidoneo per detenzione armi

0
CONDIVIDI
Cartelli di avviso ai malviventi

GENOVA. 9 MAG. Se non si è in grado di vivere e mantenere il proprio alloggio di residenza in buone condizioni od almeno accettabili, non si può essere idonei a detenere un’arma da fuoco.

E’ la sostanza della sentenza del Tar che ieri ha sancito come sia “legittimo vietare a un cittadino la detenzione di armi se vive in un’abitazione talmente degradata da determinare il venir meno dei requisiti psicofisici per mantenere l’autorizzazione”.

I giudici amministrativi liguri, quindi, hanno respinto il ricorso presentato da uno spezzino, abitante in un Comune delle Cinque Terre, contro il ministero dell’Interno.


La Prefettura della Spezia aveva emesso nei confronti dell’uomo un decreto di divieto di detenzione di armi da fuoco e ‘bianche’ e delle munizioni. Il ricorrente aveva presentato opposizione ottenendo dopo pochi giorni che il Tar sospendesse il divieto, ma gli è andata male perché è stata confermata la “sostanziale incapacità del ricorrente di mantenere il proprio appartamento in condizioni igienico sanitarie decorose”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here