Terrorista per uccidere italiani viveva in città, caccia ai basisti Isis

2
CONDIVIDI
Il passaporto del terrorista Nourredine Chouchane rilasciato a "Genes" nel gennaio 2011: il capo delle bandiere nere soggiornò a lungo nella nostra città, camuffandosi fra gli altri immigrati musulmani
Il passaporto del terrorista Nourredine Chouchane rilasciato a "Genes" nel gennaio 2011: il capo delle bandiere nere soggiornò a lungo nella nostra città, camuffandosi fra gli altri immigrati musulmani
Il passaporto del terrorista Nourredine Chouchane rilasciato a “Genes” nel gennaio 2011: il capo delle bandiere nere soggiornò a lungo nella nostra città, camuffandosi fra gli immigrati musulmani

GENOVA. 7 MAR. Noureddine Chouchane, la mente delle stragi in Tunisia costate la vita a 60 turisti (inclusa quella al museo del Bardo in cui perirono 4 italiani, scesi da una nave della Costa crociere) nel gennaio 2011 era a Genova e ritirò il passaporto dal consolato tunisino. Secondo fonti qualificate, il terrorista avrebbe trovato rifugio e soggiornato a lungo nella nostra città, camuffandosi in mezzo agli altri immigrati.

Il capo delle bandiere nere aveva precedentemente ottenuto il permesso di soggiorno ad Ancona, ossia la stessa città in cui si recò il foreign fighter genovese Giuliano Delnevo prima di partire (e morire nel giugno 2013) in Siria.

Couchanne è stato eliminato grazie a un raid americano il 19 febbraio a Sabrata, in Libia, dove gli islamici hanno sequestrato i quattro tecnici italiani della Bonatti, uccidendone due. C’è il forte sospetto che abbia organizzato anche il loro rapimento.

 

In ogni caso, il pool antiterrorismo della procura genovese oggi ha aperto un’indagine per risalire ai contatti dell’islamista nei luoghi di aggregazione musulmana, in particolare del centro storico. A Genova l’antiterrorismo e la Digos danno la caccia ai basisti dell’Isis e non è escluso che alcuni dei leader islamici presenti in città possano finire nei guai non solo per l’appoggio logistico, ma anche per il reclutamento di fanatici per fini terroristici.

 

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO